le streghe di Salem

Se siete tra quelli convinti che le streghe di Salem siano state uccise messe a rogo, vi sbagliate di grosso. Ecco con quali"prove" sono state condannate e giustiziate

All’inizio del 1692, durante un freddo inverno, un gruppo di ragazze nel villaggio di Salem iniziò a comportarsi in modo strano. La figlia e la nipote del pastore, Samuel Parris, sostenevano di essere afflitte da forze invisibili che le mordevano e le pizzicavano, provocandogli convulsione violente e incontrollabili. Quando altre due ragazze si aggiunsero il panico scoppiò a Salem.

Le ragazze afflitte presto accusarono tre donne: la schiava nativa americana di Parris, Tituba; una mendicante locale, Sarah Good; e una vedova invalida, Sarah Osbourne. Quando i magistrati locali iniziarono a interrogare le accusate, le persone si affollarono in una taverna per assistere alle ragazze che si trovavano faccia a faccia con le donne che avevano accusato di stregoneria.

Mentre le altre due donne negavano le accuse contro di loro, Tituba raccontava storie vivide di come Satana si fosse rivelato a lei. Disse di aver firmato il libro del diavolo con il suo stesso sangue e di aver visto le firme di Good e Osbourne lì accanto al suo.

La testimonianza avvincente di Tituba aiutò a scatenare una famigerata caccia alle streghe che si diffuse rapidamente oltre Salem e inghiottì tutto il New England. Circa 200 persone sarebbero state accusate prima che i processi alle streghe di Salem terminassero l’anno successivo e 20 di loro sarebbero state giustiziate durante l’estate e l’autunno del 1692. Queste sono cinque delle loro storie.

Bridget Bishop
Quando il tribunale speciale di Oyer e Terminer si riunì a Salem all’inizio di giugno, il primo caso trattato fu contro Bridget Bishop, una vedova locale, poiché il pubblico ministero riteneva che il suo caso sarebbe stato facile da vincere. Bishop era stata accusata di stregoneria più di un decennio prima, ma era stata assolta per mancanza di prove. Si adattava anche all’idea che tutti avevano di una strega: anziana, povera e polemica.

Dieci persone hanno testimoniato contro Bishop, ed è stata rapidamente dichiarata colpevole e condannata a morte. Il 10 giugno, è stata portata nella sporgenza di Proctor vicino a Gallows Hill a Salem e “impiccata per il collo finché morte non sopraggiunse“, secondo il rapporto dello sceriffo che l’ha scortata.

Sarah Good
A quel punto, i segnali di opposizione ai processi sulle streghe di Salem avevano iniziato a emergere. Diversi ministri si sono chiesti se la corte si basasse troppo su prove spettrali o sulla testimonianza delle figure spettrali che le streghe avrebbero dovuto inviare per affliggere le loro vittime. “Tutti presumevano che ci fossero spettri che potevano farlo“, dice Margo Burns, uno storico del New Hampshire specializzato nei processi alle streghe di Salem. “Ciò non è mai stato contestato. Ma ciò che è stato contestato era se il diavolo potesse apparire sotto forma di persona che in realtà era innocente”.

Tuttavia, quando il tribunale si riunì di nuovo il 28 giugno , Sarah Good fu rapidamente condannata e condannata a morte. Molte delle ragazze afflitte sostenevano che lo spettro di Good le avesse attaccate, e Tituba e molte altre l’avevano nominata come una strega nelle confessioni, sostenendo che volava su un manico di scopa e partecipava agli incontri delle streghe. Il 19 luglio Good fu trasportata a Gallows Hill e giustiziata insieme alla nonna Rebecca Nurse e altre tre streghe condannate.

Susannah Martin
Susannah Martin non viveva nemmeno a Salem, ma ad Amesbury, nel Massachusetts. Come Bishop, era già stata accusata di stregoneria, ma le accuse erano state ritirate per mancanza di prove. La sua cattiva reputazione potrebbe essersi diffusa a Salem nel 1692, quando quattro delle ragazze di Salem affette da “malefici” la accusarono per nome, sostenendo che il suo spettro le aveva attaccate.

Quando il tribunale ha chiesto loro come sapessero che lo spettro era di Martin, le ragazze hanno detto “‘Oh, ha detto che si chiamava Goody Martin ed era di Amesbury‘”, racconta Burns. “Non dovevano nemmeno riconoscerla.Nonostante la generale mancanza di prove contro di lei, Martin fu condannata e impiccata il 19 luglio, lo stesso giorno di Sarah Good.

Martha Carrier
Quando la Corte si incontrò per una terza sessione all’inizio di agosto del 1692, sentì il caso di Martha Carrier di Andover, che avrebbe ospitato le streghe più accusate di qualsiasi altra città. “La sua famiglia era molto impopolare“, dice Burns di Carrier; si pensava che avessero portato il vaiolo ad Andover. Dopo che Carrier è stato accusata, le autorità hanno interrogato i suoi due figli adolescenti, torturandoli per confessare loro stessi la stregoneria e incastrare la loro stessa madre.

Martha Cory
Come Rebecca Nurse, Martha Cory era ben lungi dall’essere la tipica sospettata di stregoneria, ovvero una povera emarginata. Era un membro attivo della sua chiesa ed era considerata importante dalla comunità. Ma Martha aveva attirato il sospetto della gente dopo aver tentato di impedire che suo marito, Giles, presenziasse a uno dei primi processi alle streghe, arrivando persino a nascondergli la sella. Poco dopo, una delle ragazze afflitte accusò Martha di averla stregata e di averla resa cieca.

L’atteggiamento provocatorio di Martha le scagliò contro i funzionari di corte, e Giles non solo rifiutò di confermare la sua testimonianza, ma testimoniò persino contro di lei, almeno fino a quando non è stato accusato lui stesso. Meno di due settimane dopo che Martha fu giudicata colpevole e condannata a morte, Giles è stato condannato a morte dopo essersi visto rifiutare un appello nel proprio processo. Il 22 settembre, Martha Cory andò alla forca insieme ad altre sette streghe condannate, in quelli che sarebbero stati le ultime impiccagioni delle streghe di Salem.

Nonostante nel 1697 la corte generale del Massachusetts indisse un giorno di digiuno per la tragedia di Salem e i pubblici ministeri furono rimossi e obbligati a fare pubblica ammenda, questi fatti di sangue ci arrivano sino ad oggi in tutta la loro drammaticità. 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Tragedia in provincia di Venezia, Giulia Segato è morta a 29 anni vicino la sua abitazione

Tragedia in provincia di Venezia, Giulia Segato è morta a 29 anni vicino la sua abitazione

Arrivati i risultati dell'autopsia di Giacomo Sartori

Arrivati i risultati dell'autopsia di Giacomo Sartori

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Montecchio Maggiore, l'ultimo straziante addio a Alessandra Zorzin

Savona, eseguita l'autopsia sul corpo di Marika Galizia: morta a 27 anni durante il parto

Savona, eseguita l'autopsia sul corpo di Marika Galizia: morta a 27 anni durante il parto

Lutto a Loreto, il piccolo Gregorio Alessi è morto a soli 6 anni: era affetto da leucemia

Lutto a Loreto, il piccolo Gregorio Alessi è morto a soli 6 anni: era affetto da leucemia

Lutto per l'ex allenatore Attilio Perotti: la moglie è morta a seguito di una caduta dal quarto piano

Lutto per l'ex allenatore Attilio Perotti: la moglie è morta a seguito di una caduta dal quarto piano

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo