Lecce-Brindisi, Carabiniere ubriaco contromano. Un morto e due feriti.

GRAVISSIMO INCIDENTE sulla statale 613. Carabiniere ubriaco contromano, si schianta. Un morto e due feriti.

Home > Attualità > Lecce-Brindisi, Carabiniere ubriaco contromano. Un morto e due feriti.

L’incidente è accaduto sulla strada statale 613 Lecce Brindisi ed ha provocato un morto e due feriti. Secondo quanto riportato, un Carabiniere forestale, di circa 34 anni, in servizio a Matera, si è messo alla guida della sua macchina, una bmw, completamente ubriaco. Ha imboccato la statale, intorno alle 4:30 di questa notte, tra venerdì 11 e sabato 12 ottobre.

Dopo 10 km si è schiantato contro un’altra vettura, una Renault Clio, guidata da un uomo di circa 59 anni, di nome Desiderio Serio. Insieme a lui, c’era anche un suo amico. Desiderio ha perso la vita sul colpo mentre l’altro uomo, è rimasto soltanto ferito.

Anche il Carabiniere è rimasto ferito ma né lui, né il passeggero dell’altra vettura, sono risultati gravi.

Dopo l’incidente, l’agente è stato portato in ospedale, dove dopo gli esami è risultato positivo all’alcol test. Il suo tasso alcolemico era superiore a quello consentito dalla legge.

Le forze dell’ordine adesso stanno indagando sull’incidente e stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, analizzando anche i filmati delle telecamere dell’ANAS.

Per adesso non ci sono ulteriori notizie riguardo la vicenda, ne riguardo la posizione del carabiniere ubriaco. Nei prossimi giorni, ci saranno i nuovi aggiornamenti.

Purtroppo l’omicidio stradale è all’ordine del giorno e nella maggior parte dei casi, il colpevole è sempre sotto effetto di alcol o di sostanze stupefacenti.

Ricordiamo Fabio Provenzano, il papà di 39 anni che si è schiantato sull’autostrada A29 Mazara del Vallo -Palermo. Era sotto effetto di sostanze stupefacenti e aveva a bordo i suoi due figli, uno di 13 anni e uno di 9. Il primo è morto sul colpo, il secondo invece è morto dopo giorni di agonia in ospedale.

Ricordiamo anche i due cuginetti di Vittoria, Simone e Alessio, morti investiti da un suv, guidato da Rosario Greco, un pregiudicato sotto effetto di alcol e droga. I due bambini stavano giocando sui gradini di casa.

Alessio è morto sul colpo, mentre Simone è stato ricoverato in ospedale ed è morto dopo giorni di agonia, proprio durante la cerimonia funebre di Alessio. .