L’emozionante storia di un bambino orfano di 8 anni

L'emozionante storia di un bambino orfano di 8 anni che entra in una macelleria per chiedere lavoro. La richiesta del proprietario in cambio del lavoro, ha lasciato il bambino e migliaia di persone senza parole

Home > Attualità > L’emozionante storia di un bambino orfano di 8 anni

George, 8 anni, è un bambino che sfortunatamente non vive nelle condizioni in cui tutti i bambini dovrebbero crescere, non ha la compagnia ne  la protezione dei suoi genitori. Alla sua giovane età ha dovuto affrontare aspre avversità, recentemente si è avvicinato alla macelleria di Felipe Garduza López per chiedere un lavoro.

La madre di George è morta e suo padre lo lasciò, vive con la nonna che si prende cura di lui e dei suoi due fratelli, ma le condizioni molto precarie lo hanno costretto a cercare una soluzione con la maturità e il coraggio di un adulto. Il proprietario della macelleria si offrì di insegnargli l commercio e gli diede delle funzioni nella sua attività in modo che il bambino potesse essere istruito in un’occupazione. Nel frattempo, Felipe gli paga un salario per aiutare la sua famiglia. Ha deciso di condividere la storia sul suo profilo Facebook per aumentare la consapevolezza delle difficoltà che molti bambini devono affrontare. “Lui è George, esattamente una settimana fa è venuto alla macelleria e con poche speranze mi ha chiesto: ” ‘Non hai un lavoro qui per me?’ A cui ho risposto: “Vuoi davvero lavorare? Se vuoi imparare a lavorare, resta qui ora, e con una gioia difficile da descrivere, ha detto di sì e che sarebbe tornato in 5 minuti perché doveva farlo sapere a sua nonna.” “Come promesso, in 5 minuti è tornato e, con tutto l’entusiasmo del mondo, ha preso i suoi utensili e si è messo in viaggio per imparare. George è un bambino che ha sofferto molto. Sua nonna è una persona con scarse risorse economiche, il giorno in cui è arrivato gli ho offerto del cibo e ho notato che era affamato “, ha detto il proprietario dell’azienda.

Felipe gli chiese se aveva mangiato qualcosa e gli disse che l’ultima volta che aveva mangiato era stato il giorno prima, alcune tortillas. Era molto commosso e ha deciso di sostenerlo.

Afferma che la cosa migliore che può fare per il bambino è insegnargli il suo umile ufficio in modo che possa continuare a coltivare il suo desiderio di lavorare e andare avanti. Ha detto che quando gli ha dato il primo pagamento era molto felice.

Le immagini e il messaggio di Felipe hanno toccato migliaia di persone che ammirano il gesto di solidarietà che ha avuto con il bambino. Tutti i bambini meritano di crescere circondati da amore, protezione e benessere, cambiare la vita di uno di loro è il miglior contributo che si possa fare per avere la società che sogniamo. Condividilo