L’eruzione del vulcano

Si sveglia dal coma per scoprire che tutta la sua famiglia ha perso la vita. Ecco la triste vicenda di Jesse e della sua famiglia

Jesse Langford, 19 anni, ha subito ustioni nel 90% del suo corpo nel disastro di White Island, l’eruzione di un vulcano in Nuova Zelanda. Rimasto ricoverato all’ospedale di Sydney in coma per un lungo periodo, quando si è svegliato ha dovuto affrontare la dura realtà di aver perso tutta la sua famiglia durante l’eruzione.

Kristine, 45 anni, e Anthony, 51 anni, i genitori di Jesse, sono morti nell’eruzione del vulcano.  Sua sorella Winona, 17 anni, è scomparsa. Si presume che anche lei abbia perso la vita. Secondo le autorità, il corpo di Winona potrebbe essere stato trascinato in mare e non saranno in grado di localizzarlo. Manca anche Hayden Marshall-Inman, una guida turistica di 40 anni.

La famiglia stava visitando White Island, a 50 chilometri dalla Nuova Zelanda, durante un’escursione dalla crociera Ovation of The Seas. Attraverso una dichiarazione, i parenti di Jesse hanno affermato che si sta riprendendo in ospedale e ha reso omaggio ai suoi genitori e a sua sorella.

Mike Clement, vice commissario del governo, ha dichiarato che una tempesta che è avvenuta poco dopo l’eruzione ha trascinato i corpi lungo il fiume verso l’Oceano Pacifico. “Ci dispiace profondamente che finora non siamo stati in grado di trovare i corpi. Innanzitutto ci stiamo concentrando sul salvataggio dei sopravvissuti “, ha detto Clement.

Le piogge hanno ostacolato il recupero dei corpi delle vittime, che potrebbero essere state sepolte sull’isola. Il maltempo ha costretto i piloti degli elicotteri della Forza di difesa della Nuova Zelanda, a interrompere il loro lavoro.

Kristine ha condiviso una sua foto con suo marito e Jesse, che si presume abbia portato sua figlia Winona, mentre stavano per imbarcarsi sulla nave per godersi la crociera. “Il mio primo post da molto tempo. Stiamo navigando su una crociera verso i Caraibi, buon viaggio a tutti! “.

La tragedia ha toccato migliaia di persone che esprimono le loro condoglianze alla famiglia. Tony Duncan, ex preside del Marist College North Shore, dove ha studiato Jesse, ha chiesto preghiere per lui e la sua famiglia. “Jesse si è laureato l’anno scorso, era uno studente di talento e popolare durante il suo periodo a scuola, la sua famiglia è ricordata con amore. Vi chiedo di averli nelle vostre preghiere ”.

I familiari e gli amici delle vittime dell’eruzione del vulcano si sono riuniti in una chiesa per pregare e rendere omaggio ai defunti. Un minuto di silenzio per onorare coloro che hanno perso la vita. Il vulcano Whakaari in Nuova Zelanda è scoppiato il 9 dicembre. Si stimava una leggera attività vulcanica.

Questo posto è stato visitato da oltre 17.500 persone nel 2018, una delle attrazioni turistiche più frequentate. Secondo i rapporti delle autorità, sono stati registrati 18 decessi. Sono state aperte due indagini per determinare la responsabilità dell’evento, tra cui le compagnie turistiche che organizzano viaggi sull’isola. Il 70% della struttura del vulcano Whakaari, alto 321 metri, è al di sotto del livello del mare, ed è considerato uno dei più attivi in ​​Nuova Zelanda.

 

Neonata di 5 mesi ricoverata per una grave ferita alla testa: è in pericolo

Aifa ritira farmaco per l’anemia: i lotti interessati

Coppia si trasferisce nella casa dei nonni e trovano un tesoro nascosto

Massimo Galli preoccupato sul Covid: "Prossimi 10-15 giorni cruciali"

Palazzolo, bambina di 7 mesi morta soffocata: Singh ha ingoiato un gioco

Andrea, il bambino ucciso dal padre: l'uomo gli ha sparato mentre dormiva

Eleonora Manta ha urlato il nome dell'assassino prima di morire