Lilia Patranjel

Lilia Patranjel, uccisa a Spinea dal compagno: la lettera pubblicata dalla figlia a nome della madre

La figlia ha scritto una toccante lettera, un testamento a nome della madre morta

La figlia di Lilia Patranjel, che ha perso la vita per mano del compagno a Spinea, in provincia di Venezia, nel Veneto, ha deciso di pubblicare una sorta di testamento della madre, una lettera pubblicata a suo nome che svela i lati più crudeli del femminicidio. Uno scritto davvero molto toccante, che ha commosso tutti quanti.

Lilia Patranjel

Mi hai promesso l’amore eterno e di amare i miei figli come se fossero tuoi, ma mi hai uccisa.

La figlia di Lilia Patranjel ha scritto una lettera a suo nome diffusa attraverso i social per ricordare la mamma e puntare il dito contro il compagno della donna di 40 anni, Alexandru Ianosi, che le ha tolto la vita nella serata di venerdì scorso. Ha usato una lama da cucina accanendosi contro la donna.

Nel mio destino non volevo altri uomini, ma eccoti qui. Un ragazzo bellissimo dentro e fuori. Mi hai fatto innamorare dal primo momento con i tuoi pregi e i tuoi difetti. Non mi hai promesso il mare o il sole, ma mi hai promesso l’amore eterno e di amare i miei figli come se fossero tuoi. Mi hai promesso una lunga e bella vita insieme, ma è stato come se le promesse fossero al contrario.

Queste le parole che la figlia della donna quarantenne affida ai social per parlare a nome della sua mamma che oggi non c’è più.

Alexandru Ianosi

La ragazza immagina gli ultimi istanti di vita della donna:

Tu, Alezandru, ti siedi e mi guardi mentre fumi una sigaretta dopo l’altra. Tutto con una calma che la terra non ha mai visto. Ma perché fumi con la mano fuori? Ah, ora capisco: nella mano destra hai un coltello, lo stesso con il quale mi hai pugnalato non una ma molte volte. È tutto freddo ora intorno a me. Finalmente è tutto finito. Mio caro marito, ti ho amato troppo per pagare con la mia vita. Il mio bambino è stato preso dai carabinieri e portato in ospedale. Io, Lilia, me ne vado in carrozza. Sono libera.

Lilia Patranjel, una lettera toccante scritta dalla figlia a nome della madre che non c’è più

La figlia ha anche avviato una raccolta fondi su GoFundMe per pagare le spese del funerale della donna. La figlia maggiore, nata dal primo matrimonio, ha già raccolto intorno ai 2000 euro.