L’insegnante infrange la quarantena per portare cibo a 40 dei suoi studenti più vulnerabili

Insegnante infrange la quarantena per fare visita a 40 dei suoi studenti, ma il suo gesto viene applaudito da migliaia di persone. Ecco cosa sta facendo questo nobile uomo.

È una realtà molto difficile da affrontare quella che stiamo vivendo negli ultimi mesi, e ci sono molte persone al mondo che non hanno il necessario per poter mangiare correttamente, sopratutto nel mezzo della pandemia. I bambini ne pagano molto di più le conseguenze poiché hanno bisogno di una buona alimentazione per crescere forti e sani.

Quasi 10.000 persone hanno perso la vita nel Regno Unito a causa di causa COVID-19. Per alcune famiglie, il cibo che i piccoli ricevevano a scuola era essenziale poiché già prima, molti genitori, non potevano sempre offrire un piatto completo a casa.

Ora che il coronavirus ha devastato l’economia, molti giovani non riescono a mangiare come dovrebbero e non hanno alcuna possibilità di ricevere l’aiuto che avevano a scuola.

Il governo offre aiuti finanziari a coloro che non sono in grado di lavorare a causa dell’epidemia, ma non è sufficiente per molte famiglie. Zane Powles è un insegnante elementare che si è sempre dedicato anima e cuore al suo lavoro. Fa l’insegnante da molti anni e si è sempre distinto per essere andato al di là dei suoi doveri pur di fornire supporto ai suoi studenti.

Ora che il mondo intero sta affrontando tempi così difficili a causa del coronavirus, Zane ha deciso di impegnarsi ancora di più. Zane vive nella città di Grimsby nel Regno Unito.

Sapeva benissimo che molti dei giovani della sua scuola non potevano mangiare bene a casa, quindi progettò un bellissimo piano di aiuti. Ogni giorno, Zane cammina a casa di coloro che hanno più bisogno e lascia un piatto di cibo all’ingresso.

“A scuola ci preoccupiamo per ciascuno dei bambini. È molto importante aiutarli e far sapere loro che saremo sempre lì per loro”, afferma Zane. Powles è ben consapevole delle misure di isolamento e dell’importanza di seguirle. Tuttavia, è anche importante che i più piccoli possano continuare a ricevere un’alimentazione il più completa possibile.

Zane consegna circa 40 pasti al giorno. Nel caso in cui contraggano il coronavirus devono essere il più forti possibile per lottare per la loro salute. Questo è il motivo per cui ogni mattina Zane indossa gli equipaggiamenti protettivi necessari e inizia a distribuire il cibo. Molte famiglie non vedono l’ora di incontrarlo e lo salutano dalla finestra.

Nel 2019, Zane ha ricevuto il titolo di Insegnante dell’anno. È un gesto veramente bello che può salvare la vita ai più piccoli. Molti genitori hanno perso il lavoro, quindi l’aiuto di Zane è di grande aiuto.

DPCM con regole più restrittive in arrivo: coprifuoco nazionale?

La testimonianza di Daniele Mondello sul settimanale Giallo

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

Autocertificazione in Campania per gli spostamenti: cosa c'è da sapere

I medici di base lanciano un appello: "Necessario un auto lockdown"

Due anni e mezzo di "raffreddore": ma in realtà Kendra Jackson perdeva fluido cerebrospinale