London Eisenbeis

Aspettava da anni di avere l'altezza giusta per usare l'altissimo scivolo di un parco acquatico. Quando finalmente stava per lanciarsi, era felice ed eccitatissima, ma purtroppo 7 secondi dopo, è uscito dallo scivolo il suo corpicino senza vita.

Home > Attualità > London Eisenbeis

London Eisenbeis, 10, del Michigan, Stati Uniti, perse la vita a causa dell’intensa emozione che provò nel lanciarsi su uno scivolo d’acqua alto 63 metri. I medici hanno determinato che è stata l’eccitazione che ha vissuto, ciò che ha posto fine alla sua vita, il suo cuore batteva ad un ritmo molto veloce causando un arresto cardiaco mentre scivolava giù dallo scivolo.

La bambina aveva una condizione cardiaca sconosciuta ai suoi genitori. London aveva aspettato anni per salire sul Super Loop Speed ​​Slide, il più alto scivolo del parco Zehnder’s Splash Village a Frankenmuth. La slittata ha una caduta dritta pari a quattro piani con un loop a 360 gradi, il percorso dura 6,9 secondi. Nel febbraio 2018, London raggiunse l’altezza necessaria per il lancio, misurando 1,21 metri di altezza. Così pregò i suoi genitori di portarla al parco acquatico per godersi l’attrazione che desiderava, soprattutto, l’avventura di saltare sullo scivolo più alto. La piccola ha registrato un video con Eden, sua sorella maggiore, pochi minuti prima di lanciarsi nello scivolo dove ha perso la vita. “Registreremo più immagini dei nostri acquascivoli, quindi fai attenzione ai prossimi video “, ha promesso la ragazzina. Tutto era pronto per il lancio di London sul Super Loop Speed ​​Slide. Entrato nella capsula rosa, guardò Jerry, suo padre, sollevò entrambi i pollici e sorrise, scese per scivolare giù e uscì senza vita. Tina, la madre della ragazza, era seduta all’altra estremità del parco, sentì il fischio dei bagnini, ma pensò che fosserivolto a dei bambini che giocavano troppo animatamente.

Fino a quando non ha cominciato a vedere donne terrorizzate con i loro figli che dicevano che qualcuno era annegato. “Mi sono innervosita, ho provato a chiamare mio marito, ma mi sono resa conto che non aveva il suo cellulare con sé, così sono corsa sul posto”, ha detto la madre di London.

“Jerry stava guardando in basso, sapevo che era uno dei miei figli. E ‘stato orribile, era appena venuta già dallo scivolo, aveva fatto le piroette il giorno prima”, ha detto Tina. La ragazzina fu immediatamente trasferita all’ospedale, scoprirono che aveva la sindrome del QT lungo, un disturbo del ritmo cardiaco che può causare palpitazioni, svenimento, annegamento o morte improvvisa.

La madre di London, che è una ginnasta, dice che non ha mai mostrato alcun sintomo. In ospedale l’hanno collegata a un supporto vitale, i suoi genitori si sono alternati per stare con lei, nove giorni dopo ha subito un altro arresto cardiaco ed è morta. “Ha combattuto per nove giorni in ospedale, poi ha vinto le sue ali d’angelo”, ha detto la madre.

London ha ricevuto un tributo emotivo nel suo ultimo addio, l’hanno vestita con l’abito con il quale suo padre l’avrebbe portata al ballo scolastico che si è celebrato il giorno del funerale. I suoi genitori sono stati devastati dall’accaduto, non vogliono che nessun’altra famiglia debba soffrire lo stesso dolore.

Tina è stata istruita dall’American Heart Association per distribuire i defibrillatori alla comunità, il dispositivo fornisce la dose di corrente elettrica necessaria al cuore per ripristinare il ritmo normale. Nel parco acquatico dove sua figlia ha subito l’arresto cardiaco non avevano quel dispositivo.

In aggiunta, Tina e sua sorella, la dottoressa Kristina Nikolakeas stanno preparando una legislazione a test genetici che rilevano le condizioni del cuore, da applicare al momento della nascita. Ha anche intrapreso una campagna per condurre esercitazioni di primo soccorso in caso di arresto cardiaco improvviso nelle scuole.

Tina ha trovato la forza di andare avanti nonostante l’immenso dolore di aver perso sua figlia, nella volontà di aiutare gli altri. “Anche se lo sto facendo solo adesso, almeno nel suo nome, salviamo altri bambini”, disse la madre. Condividi questa notizia che ha causato trambusto nelle reti, la testimonianza di questa famiglia può aiutare a salvare altre vite.