Loris: il contenuto dell’auto di Veronica Panarello

A distanza di anni, si parla ancora dell'omicidio del piccolo Loris. Nuovi indizi nell'auto di Veronica. Emerso il contenuto.

Home > Attualità > Loris: il contenuto dell’auto di Veronica Panarello

L’indimenticabile omicidio del piccolo Loris, che ha scosso l’opinione pubblica, ucciso all’età di otto anni, da sua madre, Veronica Panarello. L’episodio risale al 2014, quando la donna è stata accusata di aver ucciso suo figlio, nel mese di novembre e di aver occultato il suo corpo, per poi disfarsene in un canalone. E’ stata arrestata a dicembre, ma si è sempre dichiarata innocente. Durante una sentenza, accusò anche suo suocero.

Alla fine, dopo perizie psichiatriche, indagini su indagini, Veronica viene condannata a 30 anni di reclusione, il 5 luglio dello scorso anno, del 2018. Dopo la sentenza definitiva del giudice, la Panarello si infuria e minaccia suo suocero. “Ti ammazzo con le mie mani. Sei contento adesso? E’ tutta colpa tua”. In questo ultimo periodo, però, ci sono state nuovi aggiornamenti riguardo l’omicidio del piccolo Loris. La macchina di Veronica, con cui allora si liberò del corpicino di suo figlio, è stata mostrata in diretta su Canale 5, durante la trasmissione Mattino Cinque, condotta da Federica Panicucci. E’ stato mostrato il suo contenuto della Polo, dissequestrata dopo ben 4 anni dall’omicidio: due giubbotti di Veronica, un cambio e un grembiulino del piccolo Loris, uno zainetto e la coperta di Topolino, in cui il corpo senza vita del piccolo è stato avvolto, prima di essere lanciato nel canalone, in cui è stato ritrovato. Veronica, dichiarò di aver portato suo figlio a scuola, quella mattina del 29 novembre, ma le telecamere della zona, non hanno intercettato la macchina nei pressi dell’istituto, quel giorno, bensì vicino al luogo in cui il corpo del bambino è stato rinvenuto, a Santa Croce Camerina.

Il video della sentenza definitiva:

Secondo i giudici, Veronica avrebbe ucciso suo figlio, perché quella mattina non voleva andare a scuola, sapeva che sua madre aveva un corso di culinario e voleva accompagnarla.

Secondo l’avvocato della difesa, non c’è movente e bisogna considerate la capacità di intendere e di volere della sua cliente, ma i giudici hanno risposto, dichiarando che Veronica ha agito in modo lucido.

E’ possibile guardare la puntata qui: www.mediasetplay.mediaset.it