Lui desiderava un figlio

Lui desiderava un figlio, voleva adottarlo, ma essendo un uomo single e gay, il suo sogno, qui in Italia, sembrava irraggiungibile. "Adotterò un bambino disabile anche se dovessi smuovere cielo e terra!" Ecco la storia di Luca e Alba

Home > Attualità > Lui desiderava un figlio

Ci sono molti uomini che sognano di essere genitori e dare ai loro figli il meglio. Alcuni cristallizzano quel sogno con la donna della loro vita, ma alcuni gay si accontentano di adottarne uno per dare una casa a un bambino rifiutato dai genitori che lo hanno avuto naturalmente. Tuttavia, sebbene in alcuni paesi i sindacati di coppie gay o lesbiche siano stati legalizzati, lo stesso non accade con l’adozione di bambini da parte di questo gruppo o di una sola persona.

Le coppie gay o lesbiche possono adottare solo bambini in 26 paesi in tutta Europa. Tale è il caso in Italia , dove nel 2016 sono state approvate le unioni civili di queste coppie, ma hanno fortemente vietato il fatto che potessero adottare. Nel mezzo di questa complicata situazione c’era Luca Trapanese , un uomo italiano di 41 anni, single, gay e dichiarato cattolico. La sua storia ha fatto il giro del mondo, e lui lo ha persino raccolto nel suo libro: “Born for you” , dove racconta come è riuscito ad adottare Alba, una bambina che quando l’ha incontrata aveva 13 giorni, ed era stata abbandonata dai suoi genitori biologici. La piccola con meno di un mese di vita è stata respinta da 20 famiglie prima di essere adottato da Luca. Niente era facile per la piccola e nemmeno per Luca … Luca racconta che quando aveva 14 anni il suo migliore amico perse la vita a causa del cancro terminale. Accompagnandolo per tutta la malattia e vedendolo finire i suoi giorni ha cambiato radicalmente il suo modo di vedere la vita. “La sua partenza mi ha lasciato con una profonda consapevolezza di com’è vivere una malattia, per questo ho iniziato a fare volontariato per la Chiesa di Napoli, aiutando le persone con disabilità”.

Dopo quella dura esperienza, Luca pensò di voler diventare un prete per aiutare molte persone. Ma ha scoperto il suo orientamento sessuale e dopo essersi innamorato, ha abbandonato l’idea e con il suo partner ha fondato un’organizzazione progettata per aiutare le persone con disabilità.

Il rapporto con il suo compagno finì, ma rimase nell’idea che avrebbe adottato un bambino disabile anche se avesse dovuto muovere cielo e terra. Dal momento che nel suo paese non gli è stato permesso di adottare, dopo documenti e mesi di insistenze, alla fine gli è stato detto che l’unico modo per adottare un bambino, sarebbe stato qualcuno che ” aveva una grave disabilità o gravi problemi comportamentali, e che era stato anche respinto da tutte le famiglie tradizionali. ”

Luca accettò immediatamente la proposta, non gli importava di cosa fosse affetto il bambino. Sapere che che era stato respinto e che sarebbe stato respinto da molti altri, è stato sufficiente a convincerlo che meritava tutto l’amore del mondo, e sarebbe stato lui a darglielo.

Nel luglio del 2017, Luca incontrò la piccola Alba e, quando la prese in braccio, capì che sarebbe stata la sua bambina. “Quando sono andato in ospedale a prenderla e l’ho vista lì, così piccola e sola, l’ho presa in braccio e ho sentito che era mia figlia da quel momento. Prima avevo paura di molte cose, ma sapevo che ero già il padre di Alba “, ha detto Luca.

Alba ha ora 18 mesi e quella piccola con bellissimi occhi azzurri e capelli biondi, non solo ha rubato il cuore di suo padre, ma di tutto il mondo.