L’uomo più piccolo del mondo

Tutto si ricordano di lui, l'uomo più piccolo del mondo. Si è spento inaspettatamente all'età di 27 anni. Ecco cosa gli è successo

Home > Attualità > L’uomo più piccolo del mondo

Khagendra Thapa Magar è stato famoso tra la gente per un determinato periodo, come l’uomo più piccolo del mondo. Ha affascinato migliaia di persone con la sua grande personalità e, indipendentemente dalle difficoltà, era sempre disposto a vedere il lato positivo delle cose. Ora, la sua famiglia gli dice addio.

Khagendra è originario del Nepal, dove ha vissuto tutta la sua vita.

Khagendra ha perso la vita a causa di una polmonite fulminante a soli 27 anni. Un portavoce del Guinness World Record ha dedicato alcune parole tenere per onorare la sua memoria.

“Siamo molto dispiaciuti di ricevere la notizia che Khagendra non è più con noi. Aveva un sorriso così grande da diffondere la felicità a tutti. “

Nonostante tutti i problemi causati dalle sue condizioni, Kaghendra ha sempre affrontato la vita con il miglior sorriso. La sua prima apparizione nel libro del Guinnes dei primati, fu intitolata “il più piccolo adolescente del mondo” (con la capacità di muoversi), ma appena compì 18 anni iniziò a essere riconosciuto come “l’uomo più piccolo del mondo” . Kaghendra è nato con un peso di soli 600 grammi. Questo titolo apparteneva a Edward “Child” Hernandez, e dopo la morte di Khagendra, il 33enne colombiano è tornato al primo posto in questa categoria.


“Non mi considero un uomo piccolo. Sono un uomo eccezionale. Voglio solo aiutare la mia famiglia. “

Alla nascita, Kaghendra era così piccolo che i medici hanno saputo subito diagnosticare la sua malattia. Soffriva di nanismo primordiale e nel corso degli anni ha raggiunto solo 67 centimetri di altezza e 6 kg di peso. Suo padre, Roop Bahadur, non riusciva a credere a quanto fosse piccolo. La sua famiglia ha dovuto fare uno sforzo in più per svolgere compiti semplici come dargli da mangiare.

“Era così piccolo che entrava nel palmo della mia mano”, affermò il padre.

Molti si sono riuniti per ricordarlo con amore. Persone provenienti da tutto il mondo lo hanno incontrato e sono rimasti scioccati dal suo grande senso dell’umorismo e dal suo desiderio di vivere. Ogni giorno per qualcuno con le sue condizioni può essere un vero incubo, ma ha sempre dato il meglio di sé ed era molto orgoglioso di tutto ciò che faceva. L’aspettativa di vita media per le persone con nanismo primordiale è di circa 30 anni. Ci uniamo alla sua famiglia in questo momento doloroso. Khagendra vivrà sempre nel ricordo di tutti coloro che conoscevano la sua personalità unica ed allegra.