Malata di cancro terminale ha pianificato insieme matrimonio e funerale

Mamma malata di cancro con pochi mesi di vita ha pianificato insieme matrimonio e funerale

Home > Attualità > Malata di cancro terminale ha pianificato insieme matrimonio e funerale

Tina Potts era una mamma felice di due bambini. La sua vita procedeva benissimo e non poteva chiedere di meglio. Ma all’improvviso il destino le ha riservato un’amara sorpresa. Nell’ottobre del 2017 le è stato diagnosticato un cancro ovarico. La quarantenne di Wicklow Town in Irlanda a gennaio del 2019 è stata informata di avere il 30% di possibilità di vivere fino a Natale.

E così ha dovuto organizzare insieme il suo matrimonio e il suo funerale.

Tina Potts

La donna ha deciso di volersi sposare con Johnny, suo compagno da 13 anni. Ma non voleva lasciare in sospeso nulla e lasciare la famiglia sola a organizzare il suo funerale. E così ha deciso di pianificare anche quello. Pensando ai suoi adorati ragazzi, Philip di 19 anni con autismo, ADHD e disprassia, ed Elliott di 11 anni.

Tina Potts

Al Daily Mail Tina Potts ha raccontato che aveva sempre sognato di essere una mamma. Era il suo obiettivo crescere dei figli educati. Ora tutto le è stato strappato via da un destino che non guarda in faccia niente e nessuno.

Tina Potts

La comunità locale è stata molto vicina alla famiglia. Li hanno aiutati a pianificare le nozze e a rendere quel giorno davvero speciale e unico. “Avevo promesso a Johnny che l’avrei sposato l’anno prossimo, ma ora non ci sarà nessun anno prossimo”.

Tina Potts

Mentre i vicini le davano una mano per le nozze, lei pensava al suo funerale, consapevole che presto i suoi figli sarebbero stati orfani di madre. Ha preparato per loro delle scatole per ricordare a ognuno di loro quanto la mamma li amasse.

Tina Potts

Grazie al supporto della comunità locale, la coppia ha raccolto 10mila euro per organizzare il loro matrimonio da sogno. “Stiamo cercando di fare tutto quello che possiamo ora, mentre sono fisicamente in grado di sopportare tutto. Ho organizzato il mio funerale. È abbastanza difficile per loro accettarlo”.