Malattia delle ossa che svaniscono: la strana patologia

Una donna è risultata affetta dalla malattia delle ossa che svaniscono: ecco la sua storia e che cosa hanno detto i medici

Home > Attualità > Malattia delle ossa che svaniscono: la strana patologia

Nonostante gli incredibili progressi scientifici che abbiamo compiuto nel secolo scorso, ci sono ancora molti casi medici che non possono essere spiegati completamente, come quello della malattia delle ossa che svaniscono.

A riscontrare questa sindrome sono stati ma i medici della Royal Infirmary di Edimburgo in Scozia, in una donna di 44 anni.

Conosciuto anche come malattia di Gorham-Stout, questa condizione estremamente rara causa una progressiva perdita della ossa. La malattia è così rara che nella letteratura medica ci sono stati solo 64 casi registrati da quando è stato descritta per la prima volta nel 1838.

In una persona sana, le ossa si ricostruiscono costantemente per aiutare a mantenere la loro forza e si ritiene che la malattia di Gorham-Stout un malfunzionamento di questo processo; l’osso si rompe più velocemente di quanto possa riparare da solo.

Poiché la condizione è così rara, può essere molto difficile da diagnosticare. Nel caso della donna di Edimburgo , per prima cosa andò dal medico lamentandosi del dolore alla spalla sinistra. Una radiografia è stata eseguita, rivelando una lesione sul suo omero.

Ciò ha portato i medici a credere che lei potesse avere il cancro; tuttavia, i risultati della sua biopsia si sono però rivelati inconcludenti. Nel corso del successivo anno e mezzo, i suoi sintomi sono peggiorati progressivamente, ma i medici erano ancora sconcertati e incapaci di fornire una diagnosi concreta.

Dopo 18 lunghi mesi, i medici sono stati finalmente in grado di fornire alcune risposte e test aggiuntivi hanno confermato che le sue ossa stavano letteralmente scomparendo. A causa della sua rarità, non esiste un trattamento standardizzato per la malattia di Gorham-Stout.

I medici possono scegliere di adottare un approccio chirurgico rimuovendo le aree interessate dell’osso o innestando nuovo osso per incoraggiarlo a riparare se stesso. Altre opzioni di trattamento includono radioterapia o prescrizione di farmaci.

Nonostante la natura terrificante di questa afflizione, ci sono alcune buone notizie: non solo la condizione è incredibilmente rara, ma di solito è benigna. La malattia è mortale solo se si diffonde alle vertebre.