Mamma e figlio di 8 anni con l'auto nello stagno

Mamma e figlio di 8 anni con l’auto nello stagno: gli inquirenti indagano sul misterioso incidente

Al momento l'incidente rimane un mistero

Mistero in Inghilterra per una storia che per gli inquirenti è un vero e proprio giallo, sul quale dovranno indagare per ricostruire l’esatta dinamica dell’evento. Mamma e figlio di 8 anni con l’auto nello stagno: per loro, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Quando sono stati trovati, non erano già più in vita. Come è finita l’auto sulla quale viaggiavano nello stagno?

Mamma e figlio di 8 anni con l'auto nello stagno

A perdere la vita sono state una giovane mamma di 28 anni, Vivien Radocz, e suo figlio di 8 anni, Milan. Quando i soccorritori sono arrivati per la donna non c’era più nulla da fare, mentre il piccolo era vivo, ma le sue condizioni sono apparse subito severe.

I medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso del bambino di soli 8 anni poco dopo il suo arrivo in ospedale. L’evento luttuoso ha avuto luogo sabato scorso vicino a una base della Royal Air Force a Peterborough, nel Regno Unito.

Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, l’auto, una Ford Focus blu, è stata trovata sommersa in uno stagno, nel tardo pomeriggio di sabato. I primi a intervenire sul luogo sono stati gli agenti di polizia, i vigili del fuoco e l’ambulanza.

La speranza era quella di estrarre ancora vivi i due occupanti del mezzo, la giovane mamma e il suo bambino. Per la donna di 28 anni, però, purtroppo, non c’era già più niente da fare. I soccorritori hanno invano sperato di poter salvare il piccolo Milan.

Vivien Radocz e Milan

Mamma e figlio di 8 anni con l’auto nello stagno: cosa è successo?

Per gli inquirenti è un vero e proprio giallo. Le forze dell’ordine devono capire perché l’auto guidata da Vivien si trovava al centro dello stagno, in una zona di campagna e vicino a un’area militare off limits.

Mamma e figlio vivevano a Stamford, a circa 12 km di distanza dal luogo del ritrovamento dell’auto. La polizia ha anche chiesto aiuto ai cittadini, per trovare eventuali testimoni:

Chiunque abbia visto l’auto finire in acqua, o possieda delle registrazioni utili per le indagini, è invitato a contattarci telefonicamente o nell’apposita sezione sul nostro sito web.