Mamma toglie la vita alla sua bambina di appena cinque giorni.

Mamma toglie la vita alla sua bambina di appena 5 giorni. Prima fa arrestare il marito, poi confessa: "io non volevo una figlia".

Home > Attualità > Mamma toglie la vita alla sua bambina di appena cinque giorni.

L’orribile vicenda è accaduta, non molti giorni fa, a Little Ferry, New York ed è stata riportata sui tutti i più noti giornali. Una neo-mamma di circa 29 anni, di nome Hiralbahen Bhavsar ha telefonato alla polizia, allarmandola che suo marito la stava picchiando e che aveva paura facesse del male alla loro bambina, nata da soli cinque giorni.

Gli agenti si sono recati immediatamente sul posto ed hanno arrestato l’uomo, confuso ed inconsapevole di cosa stesse accadendo. La donna era rinchiusa in una stanza, forse per dimostrare che si stesse nascondendo, che fosse terrorizzata, ma poi alla vista di quella scena, non ce l’ha fatta, è uscita fuori ed ha confessato tutto. Lei non voleva una bambina, stava cucinando e si era messa a piangere, così l’ha presa e l’ha portata in una stanza. Tutta la famiglia credeva che si fosse rinchiusa per allattarla, invece l’ha uccisa, con un coltello da cucina.

E’ stato allora che la polizia ha trovato il corpo senza vita della neonata. Aveva un taglio alla gola e uno al braccio.

Suo marito è rimasto sotto choc, non sapeva nulla.

“Io non volevo una figlia”, ha continuato a dichiarare.

La donna è stata arrestata e adesso si trova in carcere, in attesa di giudizio.

E’ stata probabilmente colpita da una forte forma di depressione post partum e nessuno, intorno a lei, se ne era reso conto. Cinque soli giorni dalla nascita della bambina.

Molte donne vengono colpite da questa malattia, perché è così che viene considerata nel campo medico. Non va sottovalutata e soprattutto va curata.Vi siete mai chieste cosa accade nel cervello di queste neo-mamme?

Vengono colpite diverse aree del cervello, come quelle della zona prefrontale corticale, associate con la regolazione dello stress e con i meccanismi di ricompensa e motivazione, legate a processi sensoriali e anche alla capacità di sperimentare un ampio rango di attività e cure materne.

Le donne che soffrono di depressione post partum mostrano perdita di appetito, tristezza, insonnia, affaticamento, irritabilità e poi fra gli altri segnali, i peggiori: aggressività e senso di distacco nei confronti del nascituro.

Per saperne di più, leggete: La depressione post-partum: ecco cosa accade davvero nel cervello