Mamma trascorre 5 giorni in una stanza, con sua figlia morta. Voleva che stesse con la sua sorellina appena nata.

Mamma trascorre 5 giorni con la figlia morta: "volevo farle delle foto con la sua sorellina"

Emily Nixon è una mamma di 25 anni, residente a Malton, nello Yorkshire del nord. Quando ha scoperto di essere incinta, era già mamma di una bambina di circa 6 anni, di nome Darcy.

Quando Emily ha detto alla sua amata bambina, che sarebbe diventata una sorella maggiore, la piccola non è riuscita a trattenere l’eccitazione. Era contentissima dell’arrivo della sua sorellina!

“Ricordo che una volta le abbiamo dato la paghetta e le abbiamo detto che avrebbe potuto spenderla come voleva. Lei ha comprato delle pantofoline per la sua sorellina”, ha raccontato commossa Emily.

Purtroppo Darcy è nata con una rara condizione chiamata Vacterl Association, che colpisce diverse parti corpo. Nei suoi 6 anni di vita, questa bambina ha subito circa venti operazioni e durante la gravidanza di sua madre, era in attesa di un ulteriore intervento chirurgico al cuore. Lo scorso 24 gennaio, Darcy è morta. Durante l’operazione ha contratto una grave infezione.

Dopo la morte della piccola, Emily insieme al suo compagno e alla bambina nata da pochi giorni, ha trascorso cinque giorni in una camera da letto, a temperatura controllata, all’interno del Martin House Hospice For Children. Voleva che sua figlia conoscesse e dicesse addio alla sua sorellina.

Quest’ultima è nata due settimane prima del previsto. E’ stato come se sapesse che la sua sorellina maggiore stava per andare via e lei doveva salutarla.

Nei 5 giorni, Emily ha fotografato le sue figlie insieme: “voglio mostrare le foto a Bea, quando sarà grande. E’  importante che Bea sappia tutto di sua sorella. Già adesso, quando le mostro una sua foto, percepisco una connessione speciale. Lei la guarda e sorride, come se sapesse chi è”. 

“La malattia di Darcy, è molto rara e ancora oggi non se ne conosce la causa. Aveva difetti vertebrali, anomalie anorettali, difetti cardiaci, una rara condizione della trachea e dell’esofago e anomalie agli arti”. 

Emily è straziata dal dolore, non si aspettava la morte della sua bambina poiché i medici le avevano assicurato che sarebbe arrivata all’età adulta. Darcy ha iniziato a peggiorare verso la fine del 2018, poi il 24 gennaio è svenuta mentre si preparava per andare a scuola. E’ stata subito portata in ospedale ma, nonostante i diversi tentativi dei medici, non c’è stato nulla da fare. Alle 5 del mattino la piccola è stata dichiarata morta.

Aveva contratto un’infezione chiamata cardio batterio.

 

Dopo la sua morte, questa mamma si è fatta coraggio e per 5 giorni è rimasta in questa stanza dove tutto era calmo e sereno.

“Siamo stati in grado di realizzare opere d’arte dalle sue mani e dai suoi piedi. Sapere che si trovava nello stesso posto in cui eravamo anche noi, ci ha confortato”, ha concluso.

Terremoto di magnitudo 4.2 in Svizzera, avvertito anche nel Nord Italia

Giuseppe Conte ha firmato il nuovo DPCM: chiusura bar, ristoranti e locali alle 18

Che fine ha fatto Kate Fretti, la fidanzata di Marco Simoncelli

Roma, grave incidente in strada: morta la 38enne Serena Greco

Un'anziana senzatetto

Il disperato appello di Clotilde, agente di polizia penitenziaria

Partinico, Angelica Pitò non ce l'ha fatta: è caduta dal cavallo