Medico torna a casa dopo lunghe giornate di lavoro e salendo in ascensore trova un cartello sconcertante

Medico torna a casa dopo lunghe giornate di lavoro e salendo in ascensore trova un cartello scritto dai suoi vicini. Altre persone dedite al settore sanitario trovano lo stesso cartello nelle loro abitazioni e scoppiano in lacrime...ma non sono lacrime di commozione tutt'altro...migliaia di utenti sono indignati

Lo straordinario sforzo compiuto dal personale sanitario, nella lotta contro il coronavirus, è riconosciuto in tutto il mondo, anche rischiando la propria vita per salvare la vita degli altri. Molti rimangono isolati, incapaci di vedere le loro famiglie per impedire di infettarli con il coronavirus.

Migliaia di persone hanno contratto il virus che ha causato 1.309.439 pazienti infetti e 72.638 morti in tutto il mondo. In Spagna, il paese più colpito in Europa dalla pandemia, ogni giorno i cittadini escono nei loro balconi e finestre per applaudire e rendere omaggio a tutti coloro che lavorano per salvare vite umane. Ma cercano anche di incoraggiare coloro che sono incaricati di fornire le necessità di base, i compiti di pulizia e altri elementi essenziali in questa quarantena.

Sfortunatamente, in alcuni complessi residenziali a Santa Fe e in altre località dell’Argentina, il personale sanitario ha ricevuto un gesto deplorevole. Hanno messo dei poster sui portali con questo messaggio: “ Se sei un medico, vattene. Ci infetterai ”.

Domenica scorsa un altro caso simile si verificò in un edificio a Venado Tuerto, in cui attraverso un cartello i vicini chiedevano che tutti i lavoratori del settore sanitario lasciassero le strutture per paura che diffondessero il coronavirus. “Se sei un medico, un infermiere, un farmacista o lavori nella sanità… vai vis! Ci infetterai tutti ”, recita il poster.

Uno dei dottori che vivevano nell’edificio raccontava l’episodio. “Vivo con un collega che è anche residente. Di ritorno dai nostri giorni di lavoro, alle 19:00, abbiamo trovato la scritta nell’ascensore. È stato qualcosa che ci ha sorpreso”, ha detto il medico.

Poi ha detto che tutti i suoi vicini li conoscono entrambi e che li hanno sempre trattati bene, quindi è stata una sorpresa leggere questo testo. Nonostante il messaggio che lo discrimina e sottovaluta il suo lavoro e il suo impegno per proteggere coloro che lo circondano, ha espresso la sua comprensione con i vicini che sono nel panico.

“La maggior parte di coloro che vivono in questo edificio sono persone anziane. E comprendiamo che la disinformazione può portarli ad agire in questo modo. La propria casa è il posto dove ti ripari e cerchi di cancellare un po’ di tutto ciò che accade fuori, e tornare e trovare qualcosa del genere, anche se fosse stato uno scherzo di pessimo gusto, è spiacevole. Per non parlare di ciò che ci colpisce”, ha detto il medico.

Ha sottolineato lo sforzo che lui e i suoi colleghi fanno per mettersi al posto di quelle persone che hanno paura di contrarre il coronavirus, ma ha ribadito che per combattere la pandemia è necessario che i medici si espongano. Eventi simili si sono verificati a Belgrano e Villa Crespo, a Buenos Aires.

Nel quartiere di Belgrano, un medico è stato incriminato dai vicini, spingendolo a non attraversare le aree comuni o toccare le ringhiere. Mentre a Villa Crespo appariva un cartello registrato nell’ascensore di un edificio che avvisava:”Se sei un medico o qualsiasi operatore sanitario, vattene da qui perché ci infetterai tutti”.

Un farmacista che vive lì ha riferito di aver pianto quando ha letto il messaggio. “Ero molto indignato, perché esco ogni giorno ed espongo la mia vita e quella di coloro che vivono con me, e la verità è che non è piacevole perché la mia salute vale come quella di tutti gli altri”, ha detto il farmacista.

“Non sono quasi mai a casa, non cammino attraverso i corridoi di tutti i piani” , ha aggiunto. Si è offerto di parlare con i vicini per chiarire perché non è un rischio per loro e offrire loro misure reali per prevenire la diffusione del virus.

Ha definito il messaggio discriminatorio, codardo e infondato. Nelle reti, migliaia di persone supportano il personale sanitario e condannano il gesto di questi vicini.

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Ascoli Piceno, Anna Cilento è morta a 40 anni a causa di una grave malattia: ha lasciato un bimbo piccolo

Ascoli Piceno, Anna Cilento è morta a 40 anni a causa di una grave malattia: ha lasciato un bimbo piccolo

Milano: è arrivata la condanna per la donna che ha ustionato suo figlio di 5 anni, con il ferro da stiro, per punirlo.

Milano: è arrivata la condanna per la donna che ha ustionato suo figlio di 5 anni, con il ferro da stiro, per punirlo.

Tragedia in provincia di Padova, la piccola Emanuela Brahj è morta a 11 anni dopo 2 lunghi giorni di agonia

Tragedia in provincia di Padova, la piccola Emanuela Brahj è morta a 11 anni dopo 2 lunghi giorni di agonia

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

La promessa del papà al bambino malato di cancro terminale

La promessa del papà al bambino malato di cancro terminale

FaceApp, il filtro che invecchia è virale

FaceApp, il filtro che invecchia è virale