Melendugno Natale felice per una famiglia bisognosa

A Melendugno una famiglia bisognosa ha ricevuto un bellissimo regalo di Natale dai compaesani. Ecco la commovente storia.

Home > Attualità > Melendugno Natale felice per una famiglia bisognosa

A Melendugno una famiglia bisognosa passerà un bel Natale grazie a un gesto meraviglioso fatto dai loro compaesani. A raccontarlo è una donna, Maria De Giovanni, che ha voluto far conoscere a tutti il buon cuore degli abitanti del paese leccese.

Ma cos’è successo a Melendugno? In città vive una famiglia in difficoltà che tutti conoscono. Il nucleo famigliare è composto da una mamma molto anziana che non riesce più ad alzarsi da letto e i suoi 3 figli maggiorenni che sono disoccupati e hanno diversi problemi di salute. Vivevano in una casa in pessime condizioni e, non avendo i soldi per risolvere le varie problematiche, erano costretti ad accontentarsi. I muri erano ricoperti di muffa e lesionati in varie parti e l’ambiente all’interno e all’esterno mostrava cedimenti dovuti al tempo. I loro compaesani, insieme all’amministrazione locale e agli imprenditori della zona hanno deciso di intervenire e aiutare questa famiglia in difficoltà. Hanno raccolto i fondi e si sono messi all’opera. La famiglia si è ritrovata, all’improvviso, con la casa “invasa” da  idraulici, elettricisti e manutentori che si sono messi al lavoro.

Melendugno

Hanno riparato il tetto e fatto dei lavori per stabilizzare la struttura interna. Poi le stanze saranno pitturate e l’intera casa sistemata per bene.

mappa-Melendugno

È stata fatta una colletta e i soldi così ottenuti serviranno per acquistare una nuova cucina compresa di elettrodomestici…

comune-meledugno

Il desiderio degli abitanti di Melendugno è finire tutto in tempo per Natale e permettere alla famiglia di festeggiare in serenità la nascita di Gesù bambino.

lavori

Tutti i cittadini hanno partecipato, affiancati dall’amministrazione comunale e insieme agli imprenditori della zona. Una vera favola di natale che merita essere raccontata.

Fonte: leccesette.it