Messaggi a un defunto

Non sapeva come placare il dolore per la perdita del suo amato figlio di 21 anni. Per avere l'illusione di essere ancora in contatto con lui, continua a mandare messaggi sul numero di suo figlio come avevano sempre fatto, finché un giorno riceve una risposta che ha confortato il suo cuore.

Home > Attualità > Messaggi a un defunto

La morte di un figlio è il peggior dolore che può esistere nella vita. Non è normale, non dovrebbe succedere. I genitori che devono passare attraverso una situazione così amara spesso hanno difficoltà a superare il dolore, e giustamente. Questo è il caso di questa povera madre Carole Adler, che ha perso il figlio tragicamente in tenera età.

Suo figlio, Taylor Thyfault, era un giovane eccezionale, ma è morto prematuramente quando aveva appena iniziato a vivere e godersi la sua vita, a soli 21 anni. Suo figlio era un giovane semplice, molto concentrato e con una vocazione al servizio. A soli 21 anni, il giovane Taylor era già un veterano dell’esercito e stava per finire il suo addestramento di cadetto con la Pattuglia di Stato del Colorado. Ma un giorno tutto si fermò all’improvviso. Taylor era impegnato in una ricerca sulla Highway 66 in Colorado. Uno strano incidente d’auto ha richiesto la sua attenzione a causa di ciò,  lui e il suo compagno, l’agente di pattuglia Clinton Rushing, si sono recati sul luogo per indagare. All’improvviso furono avvertiti che un inseguimento della polizia ad alta velocità si stava svolgendo a pochi chilometri di distanza e si stava dirigendo verso di loro. Seguendo il protocollo, hanno posizionato i coni di controllo per cercare di fermare il soggetto. Ma il criminale della persecuzione ha completamente ignorato i segnali di stop e si è schiantato contro entrambi gli uomini. Rushing fu gravemente ferito, ma Taylor morì all’istante.

Un autista di gru che era anche sulla scena ricorda i momenti critici dell’incidente. Taylor mi ha salvato la vita all’ultimo momento, mi ha avvertito di togliermi di mezzo . La madre di Taylor considera suo figlio un eroe. So che se potesse decidere, farebbe lo stesso ancora, perché era così. Disposto a sacrificarsi per gli altri. Ha vissuto, sognato, respirato per quel momento.

Il dolore e la sofferenza di questa madre non la lasciano mai. Sa che è stata l’ultima persona a cui suo figlio ha mandato un messaggio di testo. Erano sempre in comunicazione durante il giorno. Si allenavano insieme e avevano anche la routine di bere un caffè tutti i venerdì mattina. “Eravamo così uniti, lui era la mia vita.” Diversi giorni dopo la morte di suo figlio, Carole sentì il bisogno di mandargli un sms.

Sapeva che sarebbe stata una conversazione a senso unico, ma sentiva solo che avrebbe dovuto dirgli che le mancava molto, che lo amava con tutto il cuore e che lo sentiva ancora al suo fianco. Sebbene non si aspettasse alcuna risposta, Carole ha presto ricevuto un messaggio. Si scoprì che la linea di suo figlio era già stata assegnata a un poliziotto della contea di Greeley.

Il sergente Kell Hulsey notò quando i messaggi cominciarono ad arrivare ma pensò che si trattasse di un numero sbagliato. Continuò a ignorarli fino a che, una volta, a tarda notte ricevette un messaggio che gli fece pensare in qualche modo di rispondere immediatamente. “Il bisogno di parlare con te è molto forte stasera. Mi manchi figlio mio, così tanto. Mi piacerebbe vederti e sentire la tua voce. Non voglio che tu stia lontano da me. ”

Si è identificato e ha detto: “Penso che i tuoi messaggi non arrivino dove ti aspetti. Sono Kell Hulsey del Dipartimento di Polizia di Greeley ” Carole si identificò e gli raccontò la storia di suo figlio. Hulsey si offrì di cambiare e di chiedere una nuova linea, ma Carole le disse di non. Era onorata che un uomo che aveva il lavoro dei sogni di suo figlio ora avesse il suo numero di telefono.

Questa storia ha colpito Hulsey nel profondo. Non poté fare a meno di ricordare com’era quando iniziò con il suo lavoro e la passione che provava per fare quel lavoro di servizio. Ha ricordato il giovane entusiasta disposto a fare il suo lavoro anche se a volte era molto amaro. Grazie a quella connessione, Hulsey trovò nuova energia e una rinnovata fiducia nella sua vocazione che gli permise di continuare la sua carriera professionale nel migliore dei modi.

Ora sente che Taylor è lì per lui, è il suo angelo custode e sua madre ogni tanto scrive per augurargli un buon giorno e ricordargli di prendersi molta cura del suo lavoro. Uno dei grandi obiettivi di Taylor era salvare una vita, e sua madre è orgogliosa che alla fine suo figlio sia riuscito a realizzare il suo sogno.

Condividi questa storia emozionante, qualcosa di positivo può sempre emergere tra le cose più rutte; devi solo mantenere la speranza.