Mio padre aveva Alzheimer

"Mio padre aveva Alzheimer e io volevo prendermi cura di lui. Lui aveva un solo desiderio: uscire per parlare con il netturbino che ritirava la spazzatura. Dopo una notte molto pesante, il suo primo pensiero fu di uscire per parlare con quell'uomo. Quando ho saputo perché era così importante per lui, sono scoppiata in lacrime."

Home > Attualità > Mio padre aveva Alzheimer

Julie Bick è la madre di due bambini di 8 e 10 anni. Nel corso degli anni, la vita gli ha insegnato che non c’è niente di più importante della famiglia. Quando sua madre morì si rese conto che la vita frenetica di un adulto le aveva impedito di passare tutto il tempo con lei come avrebbe voluto.

Fu allora che promise a se stessa che non avrebbe permesso che accadesse la stessa cosa con suo padre. Volevo condividere con lui ogni giorno. Al padre di Julie è stato diagnosticato una malattia degenerativa poco dopo la morte della moglie. Nel 2017 il padre di Julie è stato diagnosticato con l’Alzheimer. Julie era molto impegnata nel suo lavoro, ma decise che avrebbe fatto tutto il necessario per dare a suo padre tutto l’aiuto di cui aveva bisogno. L’intera famiglia si trasferisce a casa del padre di Julie e da allora ha iniziato l’arduo compito di prendersi cura di una persona con Alzheimer. “Non ero davvero pronta per questo, ma ho rifiutato di perdermi i miei ultimi anni in compagnia di mio padre.” Il padre di Julie era molto contento della compagnia di sua figlia e dei suoi nipoti . Prendersi cura di una persona affetta da Alzheimer è un compito molto difficile e ci sono stati giorni in cui Julie ha semplicemente sentito di non poterlo più sopportare ed era completamente esausta. Suo padre aveva una routine molto severa e una delle sue parti preferite della giornata stava nell’uscire per parlare con l’uomo che raccoglieva la spazzatura , Harold. “Diventa amico di chiunque con cui parla.” Un giorno, dopo che Julie ebbe una notte molto difficile , suo padre le disse che voleva parlare con Harold per una ragione molto speciale.

“Harold è mio amico. È religioso. Vorrei che tu mi lasciassi un momento con lui in modo che entrambi possiamo pregare per te.” Julie fu commossa dalle parole di suo padre. Nonostante la difficoltà degli ultimi giorni, suo padre e un estraneo hanno avuto il tempo di pregare per lei.

“Ho capito che non importa quale malattia avesse, mio padre mi amerà sempre. Non ho potuto fare a meno di piangere. ” Julie sapeva che tutti nel quartiere erano molto affezionati a Harold ma non sapeva che era davvero una persona così speciale.

Sebbene non conoscesse la famiglia in profondità, Harold si fermava ogni giorno per parlare con suo padre per rendere la sua giornata molto più piacevole . “È uno sconosciuto che non esita a inginocchiarsi per pregare per me e mio padre. Ho capito che c’è ancora tanta bontà nel mondo. ”

La commovente storia di Julie ci aiuta a ricordare l’importanza di valorizzare il più possibile i nostri cari. Soprattutto nei momenti più difficili. La cosa più importante è rimanere uniti di fronte alle avversità e dimostrare ogni giorno l’amore che proviamo. Condividi questa storia emozionante.