Nicola Feroleto condannato all'ergastolo

Morte del piccolo Gabriel Feroleto: il padre Nicola Feroleto ammette il suo concorso in omicidio

Dopo anni dalla morte del piccolo Gabriel, il padre Nicola Feroleto ha ammesso il suo concorso in omicidio. Pena ridotta a 24 anni

Dopo anni dalla morte del piccolo Gabriel Feroleto, il padre Nicola Feroleto ha confessato il suo concorso in omicidio. La Procura ha accolto la proposta in concordato d’appello e la pena per l’ergastolo è stata ridotta a 24 anni di reclusione.

Richiesto ergastolo per il padre di Gabriel Feroleto

Nel corso delle numerose sentenze, Nicola Feroleto aveva rilasciato diverse dichiarazioni e si era sempre dichiarato estraneo ai fatti, puntando il dito contro la madre del bambino, Donatella Di Bona.

Oggi, a distanza di due anni, Nicola ha confessato davanti al giudice di essere rimasto fermo e di non aver evitato che la donna uccidesse il loro bambino. Gabriel era nato da un rapporto extra coniugale dell’uomo, che viveva con la sua compagna Anna.

Donatella Di Bona e le accuse verso Nicola Feroleto

Quel giorno si era incontrato con Donatella e i due stavano per avere delle effusioni amorose in un campo. La madre era però indisposta e non poteva accontentare il desiderio di Nicola, che si è infuriato.

Nicola Feroleto condannato all'ergastolo

Gabriel ha poi iniziato a piangere. Un pianto che la donna non è riuscita a calmare, finché non ha iniziato a strangolarlo con le sue stesse mai e poi con un calzino. È così che il bimbo è morto per mano della stessa donna che lo aveva messo al mondo, mentre suo padre è rimasto fermo a guardare l’intera scena. Feroleto ha poi preso il corpicino del piccolo e lo ha gettato tra i rovi.

Mi ha detto che dovevo prendermi la colpa io, altrimenti mi avrebbe ucciso.

Nicola Feroleto condannato all'ergastolo

Queste le dichiarazioni di Donatella Di Bona, mentre Nicola Feroleto continuava a dichiararsi estraneo ai fatti. Dopo l’omicidio, l’uomo aveva chiesto alla sua compagna Anna di fornirgli un alibi, dichiarando che si trovava con lui nell’orario della morte di Gabriel. Ma la donna, già a conoscenza del tradimento, si è rifiutata di coprirlo. Mentre Donatella ha cercato di inscenare un investimento stradale, ma le sue dichiarazioni contrastanti sono presto state smascherate dagli inquirenti.

La Corte D’Assisi aveva così condannato l’uomo all’ergastolo. Oggi, Nicola ha ammesso il suo concorso in omicidio e la sua pena è stata ridotta a 24 anni di reclusione.

Mi rimprovero di non aver fatto quanto necessario per salvare la vita di Gabriel, è un rimorso che mi porterò dietro per tutta la vita.

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Luan e Alban, i gemelli morti bruciati vivi insieme ai genitori in Bulgaria in un incidente

Luan e Alban, i gemelli morti bruciati vivi insieme ai genitori in Bulgaria in un incidente

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Il gesto di Daniele Mondello per i bambini della scuola

Il gesto di Daniele Mondello per i bambini della scuola

Alex pompa assolto dalla Corte d'Assise di Torino. Respinta la richiesta di 14 anni di reclusione

Alex pompa assolto dalla Corte d'Assise di Torino. Respinta la richiesta di 14 anni di reclusione

Lutto per Eugenia di York, il suocero è morto pochi giorni prima del battesimo del figlio August

Lutto per Eugenia di York, il suocero è morto pochi giorni prima del battesimo del figlio August