mutazione genetica

Hanno le prove scientifiche che in questa comunità degli Stati Uniti, hanno il "segreto dell'eterna giovinezza"...non si tratta delle solite leggente, bensì di una vera e propria mutazione genetica.

Ci sono molte storie mitologiche o irreali che si concentrano su lunghi viaggi alla ricerca della giovinezza eterna, concedendo bellezza e salute infinita in ogni giorno della nostra vita. Tuttavia, la maggior parte dei viaggi che rappresentano le storie, non hanno mai parlato di Berna, nell’Indiana, negli Stati Uniti.

Berna, è una piccola città in cui vive una parte importante della comunità Amish, questa comunità è stata studiata dalla Northwestern University perché sembra che abbiano la formula per essere eternamente giovani. Ricercatori universitari, guidati da Douglas Vaughan, hanno stabilito che questa piccola comunità ha una rara mutazione genetica che funziona come misura protettiva contro gli effetti biologici dell’invecchiamento. Fino ad ora, questi sono gli unici gruppi di persone al mondo che hanno questo tipo di gene; la mutazione può verificarsi in una o entrambe le parti del gene SERPINE1 e quando la mutazione copre entrambe le copie genetiche produce il raro disturbo della giovinezza perpetua. I membri della comunità Amish sono stati attenti e disposti a collaborare con i ricercatori e questo ha facilitato gli studi della Northwestern University. La ricerca mostra negli studi sulla popolazione che delle 177 persone appartenenti a quella comunità di Amish, ci sono 43 persone con una delle loro copie del gene SERPINE1 mutato. Parte degli studi di Vaughan ha dimostrato che il gene SERPINE1 produce un disturbo emorragico che regola una proteina chiamata PAI-1, questa proteina è ciò che aiuta a dissolvere i coaguli di sangue.

Vaughan dice che quando la mutazione avviene in una delle copie di quel gene porta benefici per la salute molto importanti. Le 43 persone che hanno questa condizione genetica in comune hanno ricevuto eccellenti notizie nei loro studi perché hanno rivelato che hanno il 10% in più di aspettativa di vita oltre al 10% in più di telomeri, che sono le strutture protettive del DNA alle estremità dei nostri cromosomi. Si allungano quando la cellula termina la sua vita utile permettendo di prolungare la vita.

Queste persone non solo hanno una vita più lunga, ma hanno anche minori probabilità di ammalarsi perché l’incidenza del diabete è molto bassa, proprio come i livelli di pressione arteriosa sono ottimali per loro e i vasi sanguigni sono molto più flessibili di quelli delle altre persone.

Vaughan dichiara che è la prima volta che la scienza vede che i telomeri e i marcatori metabolici e cardiovascolari vengono protetti in questo modo evitando la vecchiaia. Ora, lavorano con questa proteina per creare un farmaco che aiuta a proteggere il nostro sistema di invecchiamento.

Dr. Douglas Vaughan, parte del equipo de investigadores de la Universidad de Northwestern.

Ti piacerebbe avere questa mutazione? Condividi questo progresso della medicina!

Incidente a Genova, auto travolge 4 ragazze: una è incinta

Il disperato appello di Clotilde, agente di polizia penitenziaria

Spadafora, 800 euro a novembre per palestre e piscine chiuse

Che fine ha fatto Kate Fretti, la fidanzata di Marco Simoncelli

Terremoto di magnitudo 4.2 in Svizzera, avvertito anche nel Nord Italia

Roma, grave incidente in strada: morta la 38enne Serena Greco

Giuseppe Conte ha firmato il nuovo DPCM: chiusura bar, ristoranti e locali alle 18