Nadia Toffa un anno dopo il malore: “Non sono guarita”

Nadia Toffa su Instagram ha ricordato quel 2 dicembre 2017.

Home > Attualità > Nadia Toffa un anno dopo il malore: “Non sono guarita”

Era il 2 dicembre del 2017 quando Nadia Toffa ebbe un malore durante un servizio de Le Iene a Trieste. Una notizia che sconvolse tutta l’Italia. L’11 febbraio del 2018, poi, la rivelazione shock: la conduttrice ha un tumore. A distanza di un anno, la 39enne bresciana ha condiviso uno struggente post su Instagram.

Nadia Toffa su Instagram ha ricordato quel 2 dicembre 2017. Ecco le parole dell'inviata de Le Iene.

“Un anno è passato dal mio malore – ha scritto la Toffa – Un anno difficilissimo e doloroso che, grazie all’affetto della mia famiglia, dei mieie amici e vostro sono riuscita a superare. Non sono guarita. Ma non sono viva. Lo show va avanti. Ma non lo show televisivo. Lo show della vita. La vita non è un film: il copione è scritto, quello che noi possiamo fare è recitare al meglio la nostra parte. Con amore! Amo la vita più di ogni altra cosa. E non mollerò mai! Grazie di esserci sempre. Sento il vostro affetto nel cuore! Buona giornata a tutti. La vostra Nadia”.

Nadia Toffa su Instagram ha ricordato quel 2 dicembre 2017. Ecco le parole dell'inviata de Le Iene.

Qualche settimana fa, infatti, la Toffa ha rilasciato un’intervista a Silvia Toffanin con cui ha comunicato che il cancro è tornato a marzo: “In seguito ad un malore lo scorso dicembre sono stata operata d’urgenza. Poi ho fatto la chemioterapia e la radioterapia. Sembrava tutto finito, ma a marzo durante un controllo, è arrivata la brutta notizia. Il cancro era tornato e mi hanno operata nuovamente”, ha detto la conduttrice de Le Iene a Verissimo.

Nadia Toffa su Instagram ha ricordato quel 2 dicembre 2017. Ecco le parole dell'inviata de Le Iene.

La Toffa ha raccontato che, quando ha scoperto la malattia, si è chiesta: “All’inizio mi chiedevo “perché proprio a me?”. Poi, dopo mesi, ho trasformato questa domanda in “perché non a me? È il mio dolore e me lo devo portare. È una sfida che posso magari non vincere, ma devo combatterla mettendocela tutta”.

Infine, un messaggio a chi sta vivendo lo stesso dramma della Toffa: “Vorrei dire alle persone che ci guardano da casa di non mollare mai perché non sono sole”.