albero-natale

Napoli, famiglia in difficoltà riceve un aiuto inaspettato

Napoli, un bellissimo gesto fatto da un benefattore sconosciuto ha regalato un felice Natale a una famiglia in difficoltà

Questa è una delle storie che ti scaldano il cuore a Natale. Siamo sempre così occupati e pieni di impegni e, spesso, ci dimentichiamo del vero spirito del Natale. Questo racconto ci dimostra che ci sono ancora persone buone e che la beneficenza, spesso, si fa in silenzio. Tutto è accaduto a Napoli dove una famiglia ha ricevuto un aiuto inaspettato nel giorno prima di Natale.

buste-plastica

A raccontare la storia è proprio la protagonista, una donna di 42 anni che ha voluto rimanere anonima. La donna, vedova da circa un anno, è rimasta sola a crescere le sue due bambine di 10 e 8 anni. Come possiamo immaginare, la vita da genitore singolo non è facile.

albero-natale

La donna lavora ma i soldi che guadagna sono pochi e lei fa fatica ad arrivare a fine mese e a comprare tutto il necessario alle sue due bambine. Qualche giorno fa la donna stava uscendo di casa per andare al lavoro quando ha trovato due buste davanti alla sua porta di casa.

Piacevolmente sorpresa, la donna le ha aperte e, dentro, ha scoperto leccornie di ogni genere e tutto il necessario per preparare il pranzo di Natale.

napoli

Una bellissima sorpresa fatta da un benefattore che ha voluto rimanere anonimo. Felice, la donna ha deciso di scrivere alla redazione di Voce di Napoli per ringraziare pubblicamente la persona che ha fatto questo bellissimo gesto nei suoi confronti.

Ecco la lettera che la donna ha scritto alla redazione di Voce di Napoli:

“Cara redazione di Voce di Napoli,

mi chiamo (…) e vi chiedo prima di tutto di restare anonima perché un po’ la mia situazione di difficoltà economica mi fa vergognare però devo ringraziare chi mi aiutata e ho pensato di scrivere a voi su Facebook. Ho 42 anni e abito al centro storico da sempre. Sono nata e cresciuta qui. L’anno scorso, a luglio, ho perso mio marito. Purtroppo era malato. Ho due bambini che sono la mia vita, hanno 10 e 8 anni e tutti e tre insieme cerchiamo di andare avanti da quando siamo rimaste sole. Ieri mattina stavo uscendo per andare a lavorare, erano le nove. Quando ho aperto la porta sul tappetino che ho davanti all’ingresso, ho visto due bustoni pieni di spesa di Natale. Dentro c’è di tutto: la pasta, le uova, formaggio e salumi, legumi, il pesce, la carne, merendine per la colazione, caffè, zucchero, farina. Tutto, ma proprio tutto. Mi sono sentita male quando ho visto tutto quel ben di Dio davanti la mia porta di casa. Per prima cosa ho pensato a un miracolo, ho pensato che era stato mio marito a mandarmi tutte quelle cose. Ovviamente non è possibile. Allora a Napoli deve esserci qualcuno che conosce bene la mia situazione e che ha pensato di farmi un regalo enorme rimanendo anonimo. Non ho trovato niente, nemmeno un bigliettino e le buste non sono di un supermercato, ma quelle più rigide che si comprano così non so nemmeno dove andare per chiedere chi ha comprato queste cose. Però ho pensato di scrivere una lettera per dire grazie a questa persona dal cuore grande perché a noi quella spesa ci serve davvero e per me è una gioia grande poter preparare qualcosa per i miei bambini che non hanno più il papà. Chiunque mi ha fatto questo regalo deve essere per forza un angelo. Le persone belle esistono ancora.

Grazie”

Un gesto meraviglioso fatto da una persona altrettanto meravigliosa che ha capito qual è il vero senso del natale.

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale

Berlusconi è ancora positivo al Coronavirus: "Sto bene, mi sento un leone"

Marco e Gabriele Bianchi trasferiti nel braccio G9 di Rebibbia, già problemi con gli altri detenuti

Antonio Sartori, nonno di 77 anni, morto dopo 3 giorni di agonia

Lidl ritira aspirapolvere per rischio incendio

Tragedia a Venaria: Antonino La Targia spara alla moglie e poi si toglie la vita

Omicidio Willy, arrivati i risultati dell'autopsia: sono shock