mamma neonato

Neonato disabile per un errore medico: la famiglia riceve 2 milioni di risarcimento

Ecco la sentenza dei giudici del Tribunale di Ancona.

Il Tribunale di Ancona ha emesso una sentenza sul caso del neonato disabile per un errore medico, che oggi è tetraplegico ed è alimentato artificialmente. Il caso risale al 2011: il piccolo ha avuto una grave mancanza di ossigeno durante il parto. Il Tribunale di Ancona ha stabilito per la famiglia di San Severino Marche un risarcimento di 2 milioni di euro.

mamma neonato

I genitori del bambino, rimasto disabile per un errore medico, hanno fatto causa all’Azienda Sanitaria. Il Tribunale di Ancona ha dato ragione alla coppia umbra, che vive nelle Marche per lavoro, in seguito alla denuncia all’ospedale di San Severino Marche.

11 anni fa il loro bambino è nato presso la struttura sanitaria marchigiana, ma per un errore medico ha avuto gravi problemi di salute. Oggi è disabile al 100% e secondo i giudici la disabilità è da imputarsi a un errore dei medici, per questo i genitori devono essere risarciti.

Il bambino era in sofferenza fetale, ma i medici, secondo quanto raccontato dai genitori, non avevano richiesto un parto cesareo. Il bambino è nato con parto naturale naturale, con l’uso della ventosa, con conseguenze gravi.

Il bambino è nato con il cordone ombelicale intorno al collo. Non respirava e presentava ipotonia e assenza di attività respiratoria e cardiaca. I medici lo hanno subito intubato e hanno praticato il massaggio cardiaco. Ma è rimasto disabile.

neonato
Fonte foto da Pixabay

Neonato disabile per un errore medico, i giudici stabiliscono un risarcimento

In seguito alla consulenza tecnica d’ufficio, il giudice Patrizia Pietracci ha accolto la domanda di risarcimento dei genitori. La famiglia riceverà 2 milioni e 276mila euro come indennizzo per il bambino disabile che oggi ha 11 anni.

neonato culla

Il bambino ha sofferto per una mancanza di ossigeno durante il parto. L’Asur ha parlato invece di fatalità. Ha negato di fatto il nesso tra la condotta dei medici e i danni subiti.