non si potrà più dire “mamma” o “papa”

La nuova legge: non si potrà più dire "mamma" o "papa" in queste scuole, per non offendere i genitori dell stesso genere

Home > Attualità > non si potrà più dire “mamma” o “papa”

L’educazione dei bambini è una responsabilità di entrambi i genitori e non è qualcosa di semplice; tuttavia, attualmente le nuove ideologie e la concezione del genere nella società rendono questo compito ancora più complesso. Quando si tratta di due uomini o due donne che sono diventati genitori adottivi di un bambino, per alcuni è parte di un diritto, ma per gli altri causa solo confusione nei bambini.

Ecco perché una nuova legge in Francia mira a proibire alle scuole di parlare di “mamma” e “papà” , in modo che i bambini che hanno genitori dello stesso sesso non si sentano offesi o a disagio. È stato votato per sostituire i termini “madre” e “padre” su moduli scolastici con i termini “genitore 1” e “genitore 2” La misura, che ha approvato la sua prima lettura martedì, apre la strada al cambiamento che, secondo i legislatori, dà un riconoscimento alle famiglie con genitori dello stesso sesso e si occupa della discriminazione. Il partito del presidente Emmanuel Macron (REM) ha sostenuto l’emendamento alla legge “scuole di fiducia” al fine di “ancorare la diversità delle famiglie con bambini in legge” , come dichiarato dal vice Valérie Petit. “Nessuno dovrebbe sentirsi escluso da questa società a causa di un pensiero arretrato”, ha sottolineato Petit. Il testo dell’emendamento alla legge si legge come segue: “Per prevenire la discriminazione, l’iscrizione scolastica, i registri di classe, le autorizzazioni dei genitori e tutte le altre forme ufficiali che coinvolgono bambini devono menzionare solo i genitori 1 e 2.” Ciò che il governo intende è almeno quello di iniziare la strada per “smettere di offendere” i genitori omosessuali o le madri lesbiche, che logicamente sono contrari all’idea che ci sia un solo “capo” per i bambini mamma o un papà single, sostenendo che confonde i più piccoli.

Per alcuni la legge è vista come un’esclusione delle famiglie tradizionali dei genitori eterosessuali , ma per gli altri è stata considerata quella di cui la società ha giustamente bisogno nei nostri tempi, dal momento che alcuni genitori non sono “papà” e altri non sono “mamma”.

Ma ciò che è chiaro è che da ora in poi puoi solo riferirti a loro come genitore 1 e genitore 2. Inoltre, anche all’interno della cerchia di aderenti a questa ideologia, sono sorti dubbi sulla nuova legge.

Alexandre Urwicz, presidente dell’Associazione delle Famiglie Homo-Parental, ha ammesso di temere che la nuova formula sia fuorviante, in quanto potrebbe portare a un conflitto di gerarchie parentali:

“Chi è il numero 1 e chi è il numero 2 dei genitori?”, Ha chiesto. La seconda lettura dell’emendamento dovrebbe essere prevista. Tuttavia, sebbene non sia stato ancora approvato dal Senato, sarà solo questione di giorni prima che inizi ad essere applicato.

Fateci sapere cosa ne pensate di questo emendamento alla legge che ha sollevato così tante polemiche nelle reti. Condividilo con i tuoi amici!