Nonna, a sessantuno anni, da alla luce la figlia di suo figlio

Nonna dà alla luce la sua nipotina come madre surrogata: “Volevo vedere mio figlio e il suo compagno con in braccio la loro bambina”

Home > Attualità > Nonna, a sessantuno anni, da alla luce la figlia di suo figlio

Matthew Eledge, 32 anni, e Elliot Dougherty, 29 anni, sono due giovani innamorati, che avevano il sogno di costruire una famiglia insieme. Non avendo la possibilità di procreare un figlio, hanno deciso di cercare di ricorrere alla fecondazione in vitro, chiedendo aiuto ad una madre surrogata. Quando hanno esposto la loro idea al resto della famiglia, però, non si aspettavano la risposta della mamma di Matthew.

Cecile Eledge, 61 anni, si è offerta di essere lei stessa la loro surrogata. I due ragazzi sono rimasti, inizialmente allibiti, visto che la donna era in menopausa da tanti anni e l’ultimo figlio lo aveva partorito trenta anni prima. Ma hanno capito, poi, che Cecile non scherzava affatto! Così si sono recati a parlare con dei medici specialisti e alla fine sono riusciti a realizzare il loro sogno. La sorella di Elliot ha donato i suoi ovuli e, una volta fecondati, sono stati impiantati nell’utero della 61enne. La gravidanza ha avuto i suoi alti e bassi e i rischi sono stati molti, ma dopo nove mesi, Cecile ha finalmente dato alla luce la sua nipotina. I due ragazzi hanno deciso di chiamarla Uma e per loro abbracciarla, è stato un sogno divenuto realtà. In molti hanno domandato a Cecile perché avesse deciso di fare una cosa del genere, visti i rischi che ha corso, ma la donna ha risposto che il suo unico desiderio, era quello di vedere suo figlio, con in braccio la sua bambina. “Quello che ha fatto mia madre è stato incredibile. Uma quando crescerà avrà due modelli femminili molto importanti. Mia madre e la sorella di Elliot, Lea”, ha raccontato Matthew.

L’ovulo di Lea è stato fecondato con lo sperma di Matthew.

Questi due innamorati stanno iniziando adesso il loro viaggio della genitorialità, con la loro piccola tra le braccia.

Una storia davvero incredibile!