Obbligo mascherina

Obbligo mascherine, ecco cosa cambia dal 1° novembre

Novità a partire da novembre per quanto riguarda l'obbligo di mascherine. Vediamo dove e per chi.

Ad oggi sono rimaste davvero poche restrizioni anticovid in vigore in Italia. Tra queste l’obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e Rsa. La scadenza è fissata al 31 ottobre, a quanto pare, il nuovo Governo targato Giorgia Meloni, non ha intenzione di prolungarlo.

Questo è l’indicazione che arriva da parte del neo ministro della Salute Orazio Schillaci. “Ci stiamo lavorando, nel rispetto dei pazienti. Oggi la malattia da Covid è completamente diversa da quella che c’era una volta e quindi stiamo vedendo di fare in modo che man mano ci possa essere un ritorno ad una maggiore libertà” – ha detto.

Obbligo mascherina
Fonte: web

Insomma tutto lascia intendere che a partire dal 1° novembre anche una delle ultime restrizioni cadrà. Ormai non ci sono dubbi che si è entrati in una nuova fase di lotta al coronavirus, fatto di convivenza e non più limitazioni e restrizioni.

Nessuno sa ancora questo inverno cosa possa accadere sul fronte dei contagi, ma al momento in Europa si è concordi sul fatto che la stagione delle restrizioni sia terminata.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Il Sole 24 ORE (@ilsole_24ore)

Intanto novità potrebbero arrivare anche per gli over 50 che hanno avuto la multa da 100 euro per non essersi sottoposti a vaccino. Stiamo parlando di una platea di 1,2 milioni di italiani, tra over 50, forze dell’ordine e personale scolastico. Per loro era scattata la multa di 100 euro per non aver rispettato l’obbligo inserito dal Governo per quella specifica fascia d’età o settore lavorativo.

Obbligo Mascherine
Fonte: web

Ebbene il nuovo esecutivo starebbe pensando anche ad un emendamento che rinvii o addirittura annulli la multa.

Credo sia in itinere un provvedimento che punti a una sanatoria delle sanzioni per chi non si è vaccinato, è una situazione pesante e non c’è più motivo per tenere in piedi questi provvedimenti” – ha detto Luca Coletto, responsabile del dipartimento Sanità della Lega. Staremo a vedere quale decisione verrà presa dall’esecutivo.