Richiesta istanza ergastolo Tony Brade Essobti

Omicidio del piccolo Giuseppe, l’appello contro l’ergastolo di Tony Brade Essobti: “La colpa è…”

L'avvocato di Tony Brade Essobti presenta un appello contro la condanna all'ergastolo

“La colpa è della droga”. Dopo la condanna dell’ergastolo di Tony Brade Essobti, il patrigno che ha ucciso il piccolo Giuseppe Dorice, è stata presentata un’istanza d’appello. L’avvocato dell’omicida ha richiesto un’attenuazione della pena del suo assistito e una valutazione di infermità mentale.

Richiesta istanza ergastolo Tony Brade Essobti

Tale richiesta, è nata dal fatto che al momento dell’omicidio, l’uomo era sotto effetto di sostanze stupefacenti. Come riportato nelle lunghe sentenze, Tony Brade Essobti aveva fumato uno spinello. E durante le sue confessioni, ha ammesso di fare spesso uso di cane e di cocaina.

L’avvocato Pietro Rossi ha quindi richiesto il riconoscimento del vizio parziale di mente per l’uso cronico di droga. Non solo, secondo il legale non è ancora stata individuata l’ora precisa del decesso del bambino. Per questo motivo, ha richiesto la nomina di un perito medico-legale.

Richiesta istanza ergastolo Tony Brade Essobti

Nell’istanza si legge la richiesta della “riqualificazione dell’omicidio volontario con l’omicidio con colpa cosciente. Oppure in omicidio preterintenzionale. L’esclusione delle aggravanti e il riconoscimento delle attenuanti generiche“.

Tony Brade Essobti e Valentina Casa accusati di omicidio

Dopo l’ergastolo per Tony, il Tribunale ha condannato anche Valentina Casa a 7 anni di reclusione. La mamma di Giuseppe e della piccola Noemi, è accusata di aver permesso al suo compagno di uccidere suo figlio e di ridurre in fin di vita la sorellina.

Valentina era presente in casa il giorno dell’omicidio e non avrebbe nemmeno chiamato i soccorsi, per cercare di salvare la vita a Giuseppe.

Richiesta istanza ergastolo Tony Brade Essobti

I due minori, secondo Tony Brade Essobti, avevano rotto il letto. Sovrastato dalla rabbia, l’uomo ha iniziato a picchiarli, prima a mani nude e poi con il bastone della scopa. Ha poi lasciato Giuseppe inerme ed è andato via dall’abitazione. Inutile il tentativo di soccorso da parte degli operatori sanitari, che non hanno potuto far altro che constatare la morte del bambino.

La piccola Noemi, invece, è stata ricoverata in ospedale e dopo un lungo periodo di riabilitazione, è riuscita a sopravvivere. Proprio la bambina ha raccontato agli inquirenti che era stato “papà Tony” a picchiarli e che non era la prima volta.

“Viviamo tra topi e sporcizia mentre lui è milionario”: la madre punta il dito contro un noto vip

“Viviamo tra topi e sporcizia mentre lui è milionario”: la madre punta il dito contro un noto vip

Terni, Laura Anasetti è morta a 36 anni, colpita da un malore dopo il parto

Terni, Laura Anasetti è morta a 36 anni, colpita da un malore dopo il parto

Va da Zara e viene arrestata

Va da Zara e viene arrestata

Adottano i tre figli della vicina deceduta

Adottano i tre figli della vicina deceduta

Previsioni meteo, maltempo in arrivo: quali sono le regioni a rischio

Previsioni meteo, maltempo in arrivo: quali sono le regioni a rischio

Lutto nel mondo del cinema e della televisione: è morto Saginaw Grant

Lutto nel mondo del cinema e della televisione: è morto Saginaw Grant

Il difficile passato di Marcel Jacobs, colui che ha portato in Italia la gara regina delle Olimpiadi

Il difficile passato di Marcel Jacobs, colui che ha portato in Italia la gara regina delle Olimpiadi