Padre punisce figlia per aver aperto l’uovo di Pasqua

Padre punisce figlia per aver aperto l'uovo di Pasqua colpendolo con un pugno in pieno volto: ecco come finisce questa assurda vicenda.

Home > Attualità > Padre punisce figlia per aver aperto l’uovo di Pasqua

Padre punisce figlia per aver aperto l’uovo di Pasqua: è questa l’assurda vicenda accaduta in un’abitazione in zona Baggio a Milano. L’uomo, aveva intimato alla figlia, 20 anni, di non aprire l’uovo di Pasqua in anticipo ma lei aveva deciso di non obbedire ai suoi ordini. Ecco come sono andate le cose, secondo la ricostruzione della polizia.

uovo-di-pasqua

Venerdì 19 aprile, verso le 16, in un appartamento di via Viterbo, in zona Baggio, a Milano, una ragazza di 20 anni ha chiamato i carabinieri in seguito ad una aggressione. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno trovato la ragazza che sanguinava.

figlia-naso-rotto

Prima dell’arrivo dei sanitari, la ragazza ha raccontato che in seguito a una lite tra lei e suo padre, un uomo di 53 anni italiano, lui l’avrebbe picchiata: un pugno forte che le ha rotto il setto nasale. La lite era partita per colpa di un uovo di pasqua che la ragazza avrebbe aperto in anticipo, dopo che l’uomo le aveva vietato di farlo. In preda a forti dolori la ragazza aveva chiamato la polizia e il 118.

padre-violento

Il 53enne era già conosciuto alle forze dell’ordine per alcuni reati contro il patrimonio ed era stato già segnalato nel 2017 per un altro litigio. Gli agenti lo hanno arrestato mentre la ragazza è stata trasportata in ospedale in codice verde. L’uomo ha ammesso di averla rimproverata e poi, in un eccesso di rabbia di averla aggredito.

violenza-figlia

Una vicenda che ha sconvolto i residenti della zona. I due litigavano spesso ma fino ad adesso, non si erano verificate simili violenze. Tutto questo, poi, per futili motivi, un uovo di pasqua aperto troppo presto.

Stiamo vivendo in una società piena di rabbia. Intorno a noi ci sono tantissime persone che non riescono a controllare gli scatti d’ira ma spesso, non ce ne accorgiamo nemmeno, perché sembrano persone tranquille e normali.