Padre sente qualcosa di strano provenire dalla stanza della bimba

Home > Attualità > Padre sente qualcosa di strano provenire dalla stanza della bimba

Questo papà si stava godendo un giorno di apparente pace, rifugiato nella “caverna” una stanza personale, quando decise di andare a prendere un pezzo di torta al cioccolato. Notò che qualcosa non andava quando passò davanti alla stanza della figlia, sentiva qualcosa di strano. Di seguito abbiamo tradotto il post che ha pubblicato il padre, troppo esilarante.


“Stavo trascorrendo una bella giornata. Ho lasciato mio figlio a scuola, ho fatto un po’ di esercizi, ho portato i cani a fare una passeggiata e ho iniziato a rilassarmi nella mia “caverna”. Mayra (la moglie) era fuori a dare lezioni di ginnastica, Alessandra (la figlia piccola) dormiva nella sua stanza e i cani erano fuori. Avevo la casa tutta per me e stavo approfittando della situazione rilassandomi. Ho deciso che volevo un pezzo di torta al cioccolato, che abbiamo fatto per il club scout di Jesse l’altro giorno, così sono andato a cercarlo. Mentre salivo le scale ho sentito qualcosa di strano. Ho guardato nella stanza, nelle scale, ovunque,  ma non ho visto niente … E poi il mio sangue si è gelato quando ho capito che quello che sentivo stava arrivando dal piano superiore. Corsi su per le scale urlando: No, no, no, no, finché non arrivai nella stanza di Alessandra.  Eccola lì, in piedi sulla soglia, con il sedere scoperto, con il pannolino in mano, coperta dalla testa ai piedi nella sua stessa cacca. Non sto parlando di un po’ di cacca qua e là. Sto parlando di strati e pezzi di materiale fecale che le coprivano braccia, gambe, viso e capelli. E ‘stato brutto. Sono stato tentato di chiudere la porta, aspettare che Mayra tornasse a casa e fingere che stesse dormendo, così lei avrebbe dovuto affrontare tutto questo. Ma ieri era il giorno delle madri messicane e non volevo essere così cattivo.

Letteralmente, non c’era da dove prendere mia figlia per portarla in bagno, così aprii la porta perché potesse camminare da sola. Invece di lasciare la sua stanza, lei mi sorride e allungò le sue braccia verso di me perché la sollevassi. Urlai: diavolo, no! Dopo una breve occhiata, lascia la stanza, passa davanti a me e scende le scale.

A questo punto sono stato costretto a prenderla tra le braccia perché il bagno non era giù. Ho usato due dita con entrambe le mani per sollevarla dalle ascelle e portarci entrambi in bagno. Durante tutto il tempo che è rimasta nella vasca da bagno, ha cercato di toccarmi con le mani piene di cacca e ogni volta urlavo come una ragazza preadolescente. Dopo 20 minuti ho tolto tutta la cacca dai suoi capelli, dal suo didietro, dai suoi piedi e da tutto ciò che ne era ricoperto.

Ora è il momento di entrare nella stanza.

Ancora non avevo guardato la stanza da quando avevo visto Alessandra lì in piedi coperta di cacca come un troll. Pensavo che avesse fatto la cacca nel pannolino e poi l’avesse strofinata su di lei … Ma era molto peggio. Entrai lentamente nella stanza e fui accolto da una scena degna di un sogno feticista tedesco.

Tutto il lato destro della stanza era coperto di cacca. Le pareti, i giocattoli, i finestrini, le tende, la panchina, il pavimento, il pianoforte, le mie speranze, tutte coperte di cacca. Sembrava che una tempesta di merda di Categoria 5 si fosse scatenata nella stanza. Uragano “Shitrina” (dal inglese: cacca). Non sapevo da dove cominciare, così ho chiamato Mayra.

Stava tornando a casa mentre io volevo bruciare la casa. Non andrò più avanti nei dettagli grafici, ma dopo aver usato 2 rotoli di carta igienica, 5 asciugamani rubati dalla palestra, 1 bottiglia di detergente, 1 di candeggina e 1 grande sacchetto di giocattoli coperti di cacca, dopo 2 ore e mezza, la sua stanza ancora puzzava come una discarica in fiamme

Giuro che faccio tutto il possibile per dimostrare a queste ragazze che le amo, ma mi sorprendono quando meno me lo aspetto. Alessandra era la mia preferita, ma ora è passata al secondo posto.

Ad ogni modo,  racconto questa sfida e le mie tribolazioni, non solo per diffondere la mia parte di contraccettivi scritti o per diffondere paura nei cuori dei nuovi genitori, ma anche per ricordarmi che non importa quello che devo affrontare nella vita, almeno non sto pulendo la cacca dai giocattoli di mia figlia di nuovo.”

Ovviamente il papa è stato molto ironico, ama la sua famiglia, ma qualche volte i genitori devono affrontare anche situazioni particolari come questa, e riderci sopra è la migliore cosa.