Perde i capelli e aiuta il prossimo

Rosie aveva solo due anni quando ha cominciato a perdere i capelli, ma la cosa non l'ha mai turbata finché, crescendo, i suoi compagni hanno cominciato a farla sentire diversa. Volete sapere qual'è stata la reazione di questa piccola? Aiutare gli altri.

Home > Attualità > Perde i capelli e aiuta il prossimo

Paula Quinn , una madre amorevole di due figlie, non poteva immaginare che la figlia avrebbe sofferto di alopecia e hanno anche il coraggio di reagire in un modo davvero stimolante. Tutto iniziò quando Rosie aveva due anni e Paula cominciò a trovare diverse ciocche di capelli sul cuscino. Quando le è stato chiesto se l’avesse fatto lei, la bambina ha risposto di no.

Rosie ha attualmente sei anni. Il problema sembrava solo peggiorare nel tempo. Quando erano trascorse due settimane, la piccola Rosie aveva già perso il 90% dei suoi capelli, comprese ciglia, sopracciglia e così via. I suoi genitori la portarono dal medico e lì le fu diagnosticata l’alopecia. È una condizione genetica che fa sì che le persone perdano una parte o tutti i loro capelli. Molti specialisti consigliano trattamenti , ma dopo aver riflettuto attentamente hanno deciso che era meglio non prenderli. “Era molto piccola. Non volevamo invadere il suo corpo con così tanti farmaci.” Rosie è sempre stata una bambina molto sicura di sé e quando ha iniziato a soffrire di alopecia sembrava accettarla senza problemi. Era sempre d’ accordo con la decisione dei suoi genitori e ne approfittava per comprare bellissime sciarpe e cappelli. Un anno dopo, il suo atteggiamento positivo è cambiato. Cominciò a notare che gli altri bambini la guardavano in un modo molto strano . Rosie ha provato ad indossare parrucche ma si è sentita molto a disagio con loro.

Fu allora che Paula propose qualcosa per tirarla su di morale. Prese uno dei disegni che aveva fatto Rosie e lo stampò su un velo. Il risultato è stato un successo. La dolce bambina si sentì molto orgogliosa di poter mostrare la propria creazione. “Si è seduta davanti allo specchio e non ha smesso di sorridere per 5 minuti”.

Ora le persone non si avvicinano a Rosie per commentare la sua mancanza di capelli, ma per congratularsi con lei per i suoi bellissimi disegni e le bellissime sciarpe che ha realizzato con sua madre. Nel giro di pochi mesi, Rosie ebbe un’idea che cambiò la vita della sua famiglia per sempre. Voleva fare sciarpe come la sua per tutti i bambini che soffrivano di perdita di capelli.

Paula si è dimessa dal suo lavoro in Google Human Resources per dedicarsi al progetto di Rosie. Hanno creato Coming Up Rosies, una fondazione senza scopo di lucro che è responsabile della stampa dei disegni dei bambini per portarli a oggetti diversi come sciarpe, foulard e persino bandane.

All’inizio si sono concentrati su persone senza capelli, ma ora aiutano i bambini con tutti i tipi di problemi come alcune disabilità o che stanno combattendo il cancro. “Rosie è felice così com’è. Dice alla gente: “Non voglio avere i capelli o cercare la cura per la mia alopecia. Mi piace essere calva e mi piace essere come sono. ‘”

Ora, questa dolce ragazza è molto felice di aiutare altri bambini come lei. Non usa le sue sciarpe a meno che non sia una notte fredda e ama condividere il suo messaggio che ispira tutti ad avere il proprio amore. Vale la pena condividere la straordinaria iniziativa di questa bambina. Alla sua giovane età ci dà una preziosa lezione di vita.