perso nel bosco

73 anni, si perde nel bosco durante un'escursione guidata. Sette giorni dopo lo ritrovano vivo e vegeto. Ecco la sua storia di sopravvivenza

Home > Attualità > perso nel bosco

Non c’è niente come passare un paio di giorni a contatto con la natura per distrarci un po’ dalla routine e tornare a noi stessi. Tuttavia, è importante seguire le misure di sicurezza per evitare incidenti. Di recente, un uomo di 73 anni si è perso nel bel mezzo di una passeggiata in California. Eugene vive nella città di San Bernardino, nel sud della California.

Era con un gruppo che stava esplorando il Parco Nazionale di Angeles. Tra loro c’era Eugene Jo, un veterano con esperienza militare e un vero amore per l’escursionismo. Quando si sono trovati vicino al noto sentiero del Devil’s Canyon, hanno capito che Eugene non era più con loro e anche se cercavano di chiamarlo e cercarlo in giro, non riuscivano a trovarne traccia. Tutti i contatti con Eugene andarono persi il 22 giugno. Per sicurezza, il resto del gruppo fu costretto a riprendere la strada e immediatamente iniziarono le ricerche per trovare la posizione di Eugene. Decine di persone si sono offerte volontarie per partecipare a questo importante salvataggio mentre la Contea di Los Angeles ha schierato i suoi migliori cani, droni ed elicotteri per essere sicuri di cercare in ogni angolo del Parco Nazionale. C’erano 70 persone nella squadra di ricerca e soccorso. I giorni passavano e nessuno riuscì a trovare Eugene. Dopo cinque giorni tutti cominciarono a preoccuparsi perché sapevano che non aveva le risorse e il cibo per sopravvivere tanto a lungo là fuori. Fortunatamente, quando fu una settimana dopo la sua scomparsa, la squadra di ricerca e soccorso condivise le notizie che stavano aspettando da tanto tempo.

“L’abbiamo trovato vivo. Può camminare e parlare. ” Fu immediatamente trasferito in un ospedale per ricevere assistenza medica. Fu lì che spiegò a tutti che era riuscito a scaldarsi di notte. Non aveva mangiato più di alcune pianta della zona, ma aveva trovato un ruscello d’acqua grazie al quale è rimasto idratato . “È rimasto vicino alle rocce che diventano così calde durante il giorno. Ha anche usato la giacca e l’asciugamano da spiaggia che indossava per proteggersi dal freddo. ”

A causa della durezza del terreno e di tutto il tempo che ha trascorso in roaming, le sue scarpe sono completamente distrutte. In un’immagine puoi vedere come la suola è decollata completamente e lui ha continuato a tenerle ai suoi piedi con l’aiuto dei lacci.

“È sopravvissuto grazie al suo addestramento militare e alla sua determinazione, non si sarebbe mai arreso “. Dopo giorni di angoscia per i suoi amici e famigliari, questo uomo instancabile è riuscito a dimostrare che è disposto a sopravvivere nel mezzo di una situazione così difficile.

Condividi questa meravigliosa notizia per sostenere Eugene in quello che è indubbiamente un meraviglioso viaggio come escursionista.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI