Mangia pollo al curry e rimane paralizzato dal naso in giù, 40enne colpito da rara sindrome

Rimane paralizzato dal naso in giù dopo aver mangiato del pollo al curry. David rischia la vita e rimane quattro mesi in ospedale. Adesso sta bene ed è tornato a vivere.

Home > Attualità > Mangia pollo al curry e rimane paralizzato dal naso in giù, 40enne colpito da rara sindrome

Ha mangiato il pollo al curry ed è accaduto qualcosa di incredibile. Il protagonista della storia che stiamo per raccontarvi, è David Braham, ovvero un uomo di 40 anni il quale si è ammalato proprio dopo aver mangiato del pollo al curry. Il tutto è accaduto mentre David stava guardando il figlio giocare a rugby. Dopo aver mangiato il pollo al curry, il 40enne si sarebbe sentito male ed è finito in coma. I medici pare gli abbiano diagnosticato una fortissima intossicazione alimentare che ha causato una paralisi dal naso in giù. Nello specifico, questa intossicazione alimentare avrebbe scatenato nell’uomo una pericolosa, quanto rara, sindrome autoimmune chiamata sindrome di Guillain-Barrè. E’ stato trasportato immediatamente in ospedale e così David, papà di tre figli e molto sportivo, si è visto cadere il mondo addosso, dopo che i medici gli hanno diagnosticato questa rara sindrome che l’ha costretto a restare in ospedale per ben quattro mesi.

David è rimasto nel letto d’ospedale, totalmente incapace di muoversi ed anche di respirare da solo. Fortunatamente dopo 4 mesi di ospedale, 4 mesi di cure e di riabilitazione, David sta meglio ed è riuscito a muovere i primi passi da solo, anche se ovviamente le sue condizioni di salute restano precarie e deve sempre sottoporsi a monitoraggi e visite. Ma da cosa è stata causata questa intossicazione?

Come abbiamo anticipato, a causare tutto ciò è stato il pollo al curry e molto probabilmente un batterio presente proprio nella carne che ha rischiato di uccidere il 40enne. “Mi sono preparato il piatto velocemente per vedere la partita di mio figlio, poco dopo ho iniziato a stare male: prima un formicolio alla mano, poi un malessere generale. Dopo 24 ore ero immobile in coma”, è questo quanto raccontato da David.

E’ stato soltanto in seguito al ricovero che i medici hanno scoperto cosa effettivamente aveva causato l’intossicazione, e nello specifico si era trattato di un’intossicazione da cibo campylobacter che gli ha causato di conseguenza la sindrome di Guillain-Barrè, una sindrome molto rara quanto molto pericolosa, che porta il sistema immunitario ad andare ad attaccare le funzioni nervose. Questa sindrome, inoltre, può essere scatenata da infezioni che includono intossicazione alimentare. Soltanto il tempo e le giuste cure antibiotiche hanno permesso all’uomo di poter recuperare la sua vita. “Il mio pensiero costante erano i miei figli. Ho fatto tutto per poter continuare a stare con loro”, è questo quanto aggiunto da David.