giovanni esami

Pordenone, la donna che ha travolto ed ucciso Giovanni Zanier aveva un tasso alcolemico elevano

Pordenone, dopo la morte di Giovanni Zanier sono arrivati i risultati degli esami tossicologici della ragazza che lo ha travolto

Sono arrivati solo in queste ultime ore i risultati degli esami del sangue della soldatessa americana, che ha travolto ed ucciso Giovanni Zanier. Il ragazzo di soli 15 anni stava salutando i suoi amici ed era in sella alla sua bici, quando all’improvviso è stato travolto.

giovanni esami

L’impatto per lui è stato fatale, poiché ha perso la vita proprio durante il trasporto in ospedale. I traumi riportati dopo la caduta erano davvero troppo gravi.

I fatti sono avvenuti nella notte tra sabato 20 e domenica 21 agosto, intorno alle 2.30. Precisamente nel piccolo comune di Porcia, dove il ragazzo viveva con la famiglia, in provincia di Pordenone.

La militare americana di 20 anni, che prestava servizio presso la Base Usaf di Aviano, lo ha travolto. Ovviamente si è subito fermata per prestare i primi soccorsi e gli amici della vittima, hanno lanciato tempestivamente l’allarme ai sanitari.

giovanni esami

Purtroppo le condizioni del ragazzo sono apparse disperate sin da subito. Tuttavia, i medici con la speranza di poterlo salvare, hanno provato comunque a trasportarlo in ospedale. Però è proprio durante il tragitto che il suo cuore ha cessato di battere.

La scoperta sull’automobilista che ha travolto ed ucciso Giovanni Zanier

La ragazza dopo l’arrivo delle forze dell’ordine è stata sottoposta a tutti i controlli del caso. I risultati degli esami tossicologici sono arrivati solo in queste ultime ore.

Gli agenti hanno scoperto che aveva un tasso alcolemico di 2.09, 4 volte il limite consentito dal codice della strada. Non hanno trovato tracce di droghe o altre sostanze nel sangue. L’unica cosa di cui sono certi, è che fosse ubriaca.

giovanni esami

Al momento la ragazza si trova ai domiciliari nella caserma. Tuttavia, in queste ultime ore è venuta fuori anche una possibile ipotesi che potrebbe scuotere la famiglia.

Il processo della soldatessa, accusata di omicidio stradale e guida in strato di ebbrezza, potrebbe essere celebrato negli Usa e non in Italia. Rischia una pena da 8 a 12 anni di carcere.