Povero bambino

Polizia ferma un veicolo che stava commettendo una semplice infrazione, ma quando guardano al suo interno restano pietrificati..."In tutta la mia carriera non ho mai visto un caso simile, povero bambino"

Il sergente Justin Klitch stava per iniziare il suo turno di lavoro come ogni altro giorno. Tuttavia, non avrebbe mai immaginato che quel giorno la vita di un bambino piccolo sarebbe stata nelle sue mani. Il sergente della polizia statale dell’Idaho ha cercato di fermare un veicolo quando ha visto che l’autista stava commettendo un’infrazione.

Durante una giornata di servizio vide un veicolo effettuare una manovra vietata dal codice della strada. Notò una donna, ferma davanti ad un’auto con grossi lividi sul viso, ma non era lei la cosa più preoccupante: sul sedile posteriore c’era un bambino che aveva ferite gravi. Il veicolo della donna era un camion della Dodge.

L’agente Shane Grady era l’ufficiale che ha assistito alla sfortunata scena. Afferma che nonostante abbia svolto svariati anni di servizio, e abbia visto cose molto spiacevoli, questo è senza dubbio il peggior caso di abuso su minori a cui ha dovuto assistere. Una scena che scioglierebbe il più duro dei cuori.

Quando ha dovuto depositare la sua testimonianza non ha potuto controllare le sue emozioni e inevitabilmente scoppiò in lacrime. A questo proposito afferma: “Avevo scoperto un bambino gravemente ferito. Aveva lividi in testa, lacerazioni multiple nello stomaco, le braccia erano bloccate in posizione fetale e l’occhio sinistro non funzionava correttamente. ”

Gli agenti hanno rapidamente chiesto aiuto a un’équipe medica e hanno arrestato gli adulti presenti nel veicolo. Con loro grande sorpresa, trovarono un altro bambino di solo un anno, ma fortunatamente non ferito. L’abuso su minori è condannato e può includere la revoca dei diritti da genitore.

Il bambino più grande aveva bisogno di cure mediche immediate quindi è stato portato all’ospedale più vicino; la sua frequenza cardiaca era passata da 70 a 110 battiti al minuto e continuava a piangere a causa del dolore. Hanno chiamato il bambino “Baby J” per proteggere la sua privacy.

L’agente Grady non ha lasciato solo il bambino nemmeno per un minuto. A causa del suo delicato stato di salute rimarrà in terapia intensiva. Ha riportato lesioni mortali ed un esteso trauma cerebrale. Per l’ufficiale, questo è di gran lunga il caso della violenza più forte e delicato che ha dovuto affrontare. Fortunatamente, il bambino è riuscito a sopravvivere ed è ora in fase di recupero.

Durante l’operazione, il 59enne Jorge González Vergel, il padre, è stato arrestato per detenzione di  sostanze illegali. È stato portato al carcere della Contea di Shoshone ed è sotto inchiesta. Quella che era iniziata come una semplice violazione del codice della strada, ha salvato la vita di un bambino piccolo e di suo fratello.


Siamo sicuri che i responsabili pagheranno e che i bambini si troveranno in un luogo in cui garantiranno il loro benessere.

Il piccolo Thiago è tornato a camminare

Omicidio Willy, arrivati i risultati dell'autopsia: sono shock

Alex Zanardi sarà sottoposto ad un altro intervento di ricostruzione cranio-facciale

Incidente a Crispano, papà di 44 anni ha perso la vita

Ecco com'era Alba Parietti da giovanissima

Disinfettante Neoxinal, l'Aifa vieta l'uso e ritira alcuni lotti

Omicidio Daniele De Santis: killer ripreso dalle telecamere