“qualcuno dentro di me voleva che mi buttassi”

Riconoscere che qualcosa non va nella tua mente è molto difficile. Ed è ancora più difficile non aver paura di raccontarlo al mondo intero. È quello che ha fatto Lauren Stott, che ha rilasciato un’intervista a un portale di notizie su se stessa e su ciò che hanno scoperto sulla sua mente, dopo aver tentato il suicidio.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

“Ciao, sono Lauren, ho 23 anni, vivo negli Stati Uniti, e sono anche Sylvie, ho 7 anni. E anche Hope, 17. E sono anche un devoto mormone.” Com’è possibile? È semplice: nel 2016 ho provato a suicidarmi, e ho scoperto che ho 12 diverse personalità dentro di me, non male, eh?  Ero sul bordo di un ponte, con una boccetta di pillole in mano, e qualcuno dentro di me voleva che morissi.
ACQUISTA TAPPETINO FRESCOSoffro di Disturbo dissociativo dell’identità (DID), che fa sì che una persona viva la vita di molte persone diverse nello stesso momento. E non necessariamente dello stesso sesso, razza o religione. Questa malattia è spesso confusa con la schizofrenia, ma c’è poco in comune tra loro. Nella schizofrenia, le persone percepiscono il mondo in modo distorto e si basano su allucinazioni e idee sbagliate. Vedo il mondo così com’è, ma attraverso la percezione di 12 persone completamente diverse. Si alternano nella mia testa, e a volte non riesco neanche a ricordare cosa hanno fatto ciascuna di loro. Come dice il Dr. David Spiegel, vicepresidente del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Stanford, il mio problema è l’integrazione dei ricordi e il senso della propria identità.

That's really hard

A post shared by Lauren Stott❤️ (@laurendstott) on

Ho saputo della mia malattia di recente, nel 2017, quando una delle mie personalità voleva suicidarsi. I dottori hanno scoperto che, quando ero in seconda elementare, qualcosa mi ha causato un grande trambusto e la mia personalità si è divisa. È una specie di reazione protettiva della psiche. Ora, ogni giorno vado a una terapia speciale, in cui i medici comunicano con ciascuna delle mie personalità. Stanno cercando di avvicinarsi a loro per strappare frammenti di ricordi e raccogliere così il quadro completo della mia vita passata e presente.

Daddy and I on easter #transformation

A post shared by Lauren Stott❤️ (@laurendstott) on

Chiamo i personaggi nella mia testa “sistema” e non li conosco tutti per nome. Ad esempio, ho un personaggio intellettuale: un devoto mormone. Sono stata persino battezzata quando la sua personalità era la principale, ma la ricordo molto vagamente. Il personaggio di Hope mi protegge dai dolorosi ricordi dell’adolescenza. È stata lei a ricordare che, all’età di 17 anni, ho subito un abuso, una scoperta che ha significato una svolta per la mia terapia. Colei che comunica di più con il terapeuta è Sylvie, una bambina di 7 anni, ma è molto capricciosa, timida e vuole essere ascoltata tutto il tempo. È difficile e spiacevole per me parlare delle mie altre personalità, alcune sono persino degli animali.

Per riunirli tutti e conservare i ricordi di ognuno, ho 12 diari. Tutte queste personalità della mia testa sono parte di me, sono frammentata in 12 diverse psiche. Durante la terapia, immagino che tutti siano seduti nella stessa classe, e li osservo dall’alto, come se fossi l’insegnante.

A causa dei film e delle serie, le persone con questi tipi di disturbi sono considerate pericolose e crudeli. Pensaci tu stesso: generalmente sono furfanti assassini o ladri. Questo complica la mia vita, ma il peggio è quando la gente non mi crede e dice che io invento tutto. In quei momenti, penso: “Chi potrebbe inventare qualcosa del genere? E, soprattutto, per cosa? ”

Boys love me

A post shared by Lauren Stott❤️ (@laurendstott) on

Grazie a terapie e medicinali speciali, sto migliorando sempre di più. Ma il mio principale sostegno emotivo e la mia spinta a recuperare è il mio cane, il sergente Tibbs. È sempre presente quando provo ricordi difficili e attacchi di panico. In quei momenti, si sdraia su di me e talvolta apre persino il frigo, prende un sacchetto di ghiaccio e me lo porta.

La mia storia mostra che la vita è complicata, ma che c’è sempre qualcuno che può allungare una mano. Quindi, ad esempio, il mio ragazzo e io stiamo pianificando il nostro matrimonio per il prossimo anno. A volte, il mio ragazzo dice che i nostri appuntamenti sono come uscire con una bambina. In quei momenti, la mia personalità è guidata da Sylvie, che gli fa piccoli scandali. Ma, nonostante tutto lo strano che sono, lui mi ama e mi comprende. Ho grandi speranze che venga il giorno in cui non avrò più bisogno di andare in terapia. Ci sono ancora molte cose da scoprire nella mia testa, ma penso che prima o poi tutto sarà come dovrebbe essere “.