quando l’impegno diventa ossessione

Era sempre stata fissata con la vita sana e dopo aver avuto il secondo figlio, decide di voler tornare in forma come prima. Ma quando l'impegno diventa ossessione non finisce mai bene. Ecco fin dove è arrivata questa mamma.

Home > Attualità > quando l’impegno diventa ossessione

Meegan Hefford era una mamma di 25 anni, amante della vita sana, una dieta sana e il restare in forma. Ma il suo amore per quello stile di vita divenne una vera ossessione dopo la sua seconda gravidanza. Meegan ha sofferto di depressione postpartum e, a causa dei farmaci prescritti, ha drasticamente guadagnato peso.

Così decise di tornare in palestra, alla sua routine di esercizi e alla sua abitudine di bere frullati proteici. Sua madre, Michelle White, dice che all’inizio era orgogliosa di sua figlia, vedendo quanto fosse sana, quanto fosse esigente con se stessa e che fosse una “macchina per il sollevamento pesi”. Meegan è passata dall’amore per la sua figura a voler diventare un bodybuilder. Ma per realizzare il suo sogno, sua madre doveva praticamente prendersi cura dei suoi figli, così da potersi allenare di notte. E le diete e le routine sono diventate sempre più intense. “In pochi mesi, il suo amore per il fitness è diventato un’ossessione per la sua immagine corporea. Se non ero libera di prendermi cura dei bambini o suo marito non andava al lavoro, ne restava devastata”, ha detto White. “Saltare una giornata di allenamento per lei era la fine del mondo. Non era soddisfatta se non poteva allenarsi almeno due ore al giorno”, aggiunge.”I loro pasti erano sempre gli stessi: pollo, carni rosse e uova, a volte con verdure al vapore sul lato, e sempre un frullato di proteine ​​da bere”, ha detto la madre. Non sapevo che l’eccesso di proteine ​​potesse essere molto dannoso. Fu allora che iniziò il suo fatale destino, era giugno 2017. Una mattina, sua madre vide che le mani di Meegan tremavano, ma voleva continuare l’allenamento. Giorni dopo acconsentì a riposare, restando sul divano, qualcosa che non faceva da mesi.

Ma due giorni dopo, è accaduta una tragedia. Ha ricevuto una chiamata inaspettata dai paramedici che l’hanno trovata svenuta nel suo appartamento. La donna corse all’ospedale e fu scioccata nel vederla piena di cavi, quando di solito era una giovane donna piena di salute. Sebbene fosse difficile da assimilare, aveva fiducia nel fatto che si sarebbe ripresa, ma il giorno dopo ricevette la peggiore notizia: i medici dichiararono che era cerebralmente morta.

La madre ricorda di aver pianto disperatamente. Fu informata che Meegan aveva un disturbo del ciclo dell’urea, che è il processo naturale in cui il corpo rimuove sostanze chimiche come l’ammoniaca dagli aminoacidi in eccesso delle proteine. Viene scartato sotto forma di un enzima chiamato urea.

Quella condizione impediva a Meegan di rimuovere tutte le proteine ​​in eccesso che aveva consumato, essendo oltretutto molto elevate, hanno causato un accumulo di ammoniaca nel sangue, che le giunse al cervello causando danni irreversibili. “Il dottore mi ha raccomandato che fosse giunto il momento di lasciarla andare. Mi sedetti accanto a lei e la baciai sulla fronte. L’abbiamo salutata e abbiamo preso la decisione di donare i suoi organi, il che ha salvato la vita a quattro persone “, ha detto Michelle.

Dopo la dolorosa partenza di Meegan, hanno fatto un’analisi, Michelle ha scoperto che sia lei che sua nipote Alexa soffrono dello stesso disturbo, ma con farmaci e una dieta bilanciata possono tenerlo sotto controllo. Michelle ora vuole avvertire che gli infiniti frullati proteici sono stati i responsabili di aver ucciso sua figlia in silenzio.

Infatti, dopo la sua morte ha scoperto di avere un programma di dieta fatto dal suo personal trainer basato esclusivamente sulle proteine, e che tutti i suoi armadi erano pieni di integratori proteici. Ora è impegnata a diffondere un messaggio di consapevolezza in modo che solo i professionisti specializzati siano autorizzati a dare consigli sulle diete e che questi integratori siano venduti su prescrizione medica, o che le persone abbiano esami approfonditi prima di ingerirli.

“È troppo tardi per Meegan, ma spero che condividendo la sua storia, lei possa salvare un’altra famiglia da questo dolore”, conclude. Non andartene senza condividere queste preziose informazioni con cui potresti salvare una vita.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI