Ragazza di 14 anni si addormenta a scuola

Ragazza di 14 anni si addormenta sempre a scuola: scoprono un tumore al cervello

La diagnosi è davvero terribile per la giovanissima

Questa è la storia di Emily, una giovane teenager che ha ricevuto una diagnosi davvero dura da accettare. La ragazza di 14 anni si addormenta sempre a scuola e nessuno riesce a capirne il motivo. Sua madre decide di indagare meglio e la porta da diversi medici, fino a quando non si scopre che l’adolescente ha una neoplasia al cervello. Per quel motivo si addormentava sempre senza un motivo.

Ragazza di 14 anni si addormenta a scuola

Karen Kinsella, una mamma di Greater Manchester, ha raccontato che sua figlia si addormentava sempre a scuola. E aveva spesso mal di testa. Così la donna ha deciso di sottoporre la figlia a esami più approfonditi, scoprendo l’amara verità che si nascondeva dietro quei sintomi.

In ospedale, i medici le hanno fatto diversi esami, scoprendo che aveva un tumore al cervello. La mamma era distrutta, non sapeva come affrontare la patologia della figlia, come starle accanto in un momento così difficile per tutta la sua famiglia.

Intervistata dal Manchester Evening News, la mamma ha detto che all’inizio pensava che sonnolenza e mal di testa fossero scuse per non studiare. Ma i sintomi divennero sempre più frequenti, accompagnati da smorfie involontarie del viso.

Facendo una foto alla figlia e inviandola al suo medico, il dottore l’ha invitata ad andare subito all’ospedale, dove alla ragazzina di 14 anni hanno diagnosticato il cancro. In pochi giorni l’hanno operata per rimuovere la massa tumorale.

Emily con la mamma

Ragazza di 14 anni si addormenta a scuola, ha forti mal di testa e fa smorfie involontarie: la diagnosi sconvolge tutti

I medici dissero alla famiglia che la neoplasia era trattabile, ma non curabile. Ha fatto la radioterapia, ma ha dovuto rimandare la chemio per un’emorragia cerebrale e l’infezione da herpes zoster.

Dopo aver terminato il ciclo di chemio di 12 mesi, la patologia si è stabilizzata. Non poteva andare a scuola, ma viste le sue doti artistiche, la professoressa d’arte le è sempre stata accanto. La malattia è poi tornata, ha quasi rischiato di non farcela, ma oggi ha 16 anni e continua a vivere la sua vita, sperando anche in nuove cure.