Ragazzo di 18 anni muore in bici

Ragazzo di 18 anni muore in bici, cadendo dalla discesa del Passo Durone

Era in compagnia di alcuni amici

Tragedia sulle Dolomiti, lungo la discesa del Passo Durone. Pietro Ballarini, un ragazzo di 18 anni, muore in bici, cadendo giù mentre si trovata sul passo insieme a un gruppo di amici, per un’uscita sulle due ruote tutti insieme. Purtroppo i soccorritori non hanno potuto salvargli la vita, troppo gravi le ferite riportate.

Ragazzo di 18 anni muore in bici

Pietro Ballarini aveva solo 18 anni ed è morto per un tragico incidente che ha avuto luogo nella tarda mattinata di sabato 23 luglio. Si trovava insieme a un gruppo di amici con cui spesso usciva con la bicicletta, una delle sue più grandi passioni.

All’improvviso, mentre il gruppo aveva intrapreso la discesa del Durone, il giovane è caduto dalla sua bici. Si trovavano sulla strada provinciale 222 del passo Durone, sulle strade delle Giudicarie, quando il 18enne residente a Mori, comune in provincia di Trento, ha fatto una rovinosa caduta che ha causato la morte.

Il giovane stava scendendo ed era all’altezza di una curva quando improvvisamente ha perso il controllo della sua bici. Durante la rovinosa caduta, sul passo che porta a Tione, si è schiantato violentemente contro il guard rail. Andava molto veloce.

Proprio a causa della velocità, il caschetto che indossava il 18enne si è rotto in due. L’urto è stato molto violento e purtroppo fatale, nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori del 118 che hanno immediatamente raggiunto il luogo dell’incidente.

Pietro Ballarini

Ragazzo di 18 anni muore in bici, a nulla valgono i tentativi dei soccorritori di salvargli la vita

Sul posto hanno cercato di salvargli la vita due ambulanze del 118: era vivo, ma in gravi condizioni. Da Bolzano è anche arrivato l’elisoccorso, ma nonostante tutti i tentativi di salvargli la vita il giovane è morto per i traumi troppo gravi riportati durante la caduta.

Pietro Ballarini funerale

Sul posto anche i vigili del fuoco di Bleggio Superiore, Bolbeno-Zuclo e Tione, insieme alla polizia locale delle Giudicarie per i rilievi del caso.