Reggio Emilia, picchia la moglie incinta con un bastone

Per un futile litigio si è accanito contro sua moglie incinta, sotto gli occhi dei loro figli. Non contento, alla fine, ha preso un bastone...

La vicenda è accaduta a Cadelbosco di Sopra, in provincia di Reggio Emilia. Un marito trentenne è stato denunciato per abusi e maltrattamenti verso sua moglie, una venticinquenne. Secondo quanto riportato, la donna era vittima di violenza fisica, da circa sei anni. L’uomo si sfogava ogni giorno su di lei, anche davanti ai loro figli.

L’arresto del trentenne, è avvenuto dopo l’ultimo litigio. Lo scorso 25 dicembre, a Natale, per una discussione, l’uomo ha iniziato a picchiare sua moglie, incinta di sei mesi.

Calci, pugni e alla fine, non soddisfatto, l’ha picchiata anche munito di bastone.

Dopo l’aggressione, il trentenne ha lasciato la casa insieme ai figli, non preoccupandosi delle condizioni della donna. A soccorrere quest’ultima, è stata una vicina di casa.

Dopo l’arrivo in ospedale, i medici hanno preferito ricoverare la donna, preoccupati per il suo stato di gravidanza.

La denuncia è partita nell’immediato e l’uomo è stato rintracciato ed arrestato dalle forze dell’ordine.

Dopo la dimissione in ospedale, la venticinquenne è stata trasferita in una struttura protetta, insieme ai suoi bambini.

Purtroppo non è l’unico episodio di violenza degli ultimi giorni. Anche a Bari, un uomo di 37 anni, ha sparato al ventre della sua compagna, che da pochi giorni aveva dato alla luce il loro secondo figlio. La donna era stanca dei continui litigi con il padre dei suoi figli, così aveva deciso di lasciarlo, ma a lui questo non stava bene.

Ha aspettato che la donna uscisse dalla loro casa, in compagnia di un’amica e poi le ha raggiunte per strada ed ha aperto il fuoco. La trentenne è stata trasportata con urgenza immediata all’ospedale, dove stata operata è ricoverata in prognosi riservata.

L’uomo è scappato e le forze dell’ordine si sono subito mobilitate per rintracciarlo, ma poco dopo è stato lui stesso a presentarsi in caserma.

Per ora è accusato di tentato omicidio.

Notizia in aggiornamento.

"Si tratta di una malattia che ti toglie tutto. Ho pensato di voler morire". Racconta a Verissimo della malattia dei suoi figli e Silvia Toffanin non trattiene le lacrime

"Si tratta di una malattia che ti toglie tutto. Ho pensato di voler morire". Racconta a Verissimo della malattia dei suoi figli e Silvia Toffanin non trattiene le lacrime

Caso Denise Pipitone, spunta una nuova foto sul profilo del legale di Piera Maggio. Federica Panicucci la mostra a Mattino 5

Caso Denise Pipitone, spunta una nuova foto sul profilo del legale di Piera Maggio. Federica Panicucci la mostra a Mattino 5

Paura per l'allenatore: tutta la sua famiglia è positiva e sua moglie è stata ricoverata allo Spallanzani

Paura per l'allenatore: tutta la sua famiglia è positiva e sua moglie è stata ricoverata allo Spallanzani

Il piccolo Lorenzo è morto 20 giorni dopo la sua nascita: lo straziante messaggio dei genitori

Il piccolo Lorenzo è morto 20 giorni dopo la sua nascita: lo straziante messaggio dei genitori

TRAGEDIA - bimbo di 3 anni ha perso la vita davanti agli occhi dei genitori, durante un matrimonio

TRAGEDIA - bimbo di 3 anni ha perso la vita davanti agli occhi dei genitori, durante un matrimonio

Perché Denise Pipitone non ha il cognome del padre Pietro Pulizzi?

Perché Denise Pipitone non ha il cognome del padre Pietro Pulizzi?

Donna 30enne incinta salvata dopo un distacco di placenta: il bimbo non ce l'ha fatta

Donna 30enne incinta salvata dopo un distacco di placenta: il bimbo non ce l'ha fatta