Resta cieca e paralizzata

Resta cieca e paralizzata dopo aver trascorso una giornata al parco con i suoi figli...ecco cosa è successo a questa povera mamma

Nel 1994 Christine Jennings andò in un parco per rilassarsi per alcune ore. A quel tempo non avrebbe potuto immaginare che una decisione così semplice sarebbe diventata la ragione per cui la sua salute iniziò a calare vertiginosamente. “Da allora la mia vita non è mai più stata la stessa .”

Ore dopo, quando era tornata a casa e pronta a dormire, notò che qualcosa di strano la stava infastidendo sul lato della gabbia toracica. C’era un piccolo insetto che la stava pungendo. Si è mossa rapidamente per strappare l’insetto dal suo corpo e tutto sembrava finito così. Nel corso degli anni, avrebbe scoperto che non l’aveva completamente rimosso. Christine afferma di aver avuto il morso di zecca al Bradgate Park di Leicester. Pochi giorni dopo ha iniziato a presentare tutti i tipi di sintomi. Aveva mal di testa, strane eruzioni cutanee, dolori articolari , debolezza. Sebbene fosse allarmata e andasse dal medico in diverse occasioni, gli specialisti non fecero altro che ignorare i suoi sintomi e non diagnosticarono mai il suo problema. Il morso della zecca aveva fatto venire a Christine,la malattia di Lyme . Christine lavorava come pittrice professionista. È un batterio trasmesso da zecche zampe nere, note anche come zecche di cervo. Nel corso del tempo, le condizioni di Christine peggiorarono sempre di più e dopo aver indagato un po’ sospettò che fosse stata infettata da questa malattia.

Christine ha 4 figli adulti e diversi nipoti. In diverse occasioni ha parlato con i medici della zecca che aveva trovato sul suo corpo, ma gli hanno detto di non preoccuparsi perché l’insetto doveva rimanere tra le 24 e le 36 ore nel corpo per trasmettere i batteri.

Tre anni dopo la sua visita a quello che era, in effetti, un parco di cervi, trovarono la testa dell’insetto sul corpo di Christine. La testa della zecca doveva essere rimossa chirurgicamente da Christine. Quando finalmente riuscì a contattare uno specialista che le diagnosticò la malattia di Lyme, iniziarono a pianificare diverse misure per combattere per la sua salute il prima possibile, ma drasticamente tutto cambiò.

La malattia era già troppo avanzata e quindi si rifiutarono di curarla. “Penso che fossero più preoccupati del fatto che li ho citati in giudizio, piuttosto che ammettere che si trattasse della malattia di Lyme. La mia vita non li interessava.” Quando sono trascorsi 4 anni, ha iniziato ad aver bisogno di una sedia a rotelle e al giorno d’oggi non può più muoversi. I suoi nervi sono estremamente sensibili al sole, quindi deve stare in una stanza buia senza esposizione diretta al sole .

È estremamente frustrata perché non ha ricevuto la diagnosi e le cure mediche per le quali ha insistito così tanto. “Vorrei poter continuare a vedere. Mi sarebbe piaciuto ricevere trattamenti per migliorare la qualità della mia vita. ” Alziamo le nostre voci contro la terribile situazione che questa madre amorevole ha dovuto affrontare. È necessario che prima di questi sintomi siano prese tutte le misure necessarie per essere in grado di fornire l’attenzione medica di cui tanto hanno bisogno.

Condividi il caso straziante di Christine per aumentare la consapevolezza e chiedi che la malattia di Lyme non venga semplicemente liquidata dai medici.

Pesava 335 chili, ma adesso ne pesa solo sessantanove. Ecco com'è diventata

La lettera mai inviata trovata sul computer di Antonio De Marco

Dmitriy Stuzhuk: muore influencer del fitness di Covid-19 negazionista del virus

Il comitato tecnico scientifico riunito: parrucchieri ed estetiste salvi?

Antonio Ricci positivo al Coronavirus: ricoverato all'ospedale di Albenga

Morta la mamma della cantante Serena Brancale: il suo messaggio

Lucia Azzolina, niente chiusura scuole: "Le lezioni in presenza sono un diritto"