Rinuncia al calcio per salvare un bambino

Home > Attualità > Rinuncia al calcio per salvare un bambino

Diventare una stella del calcio è il sogno della maggior parte dei bambini ad un certo punto della loro infanzia, e Alejandro Benítez non ha fatto eccezione. Il giovane è stato in grado di dedicarsi a ciò che gli piace di più, giocare nella squadra locale, Larroque, nella provincia argentina di Entre Ríos.

Lulo, come è noto il calciatore, è diventato un capocannoniere molto apprezzato dal Central Larroque. Tuttavia, la sua popolarità non è arrivata grazie ai suoi obiettivi raggiunti come calciatore ma per il suo grande cuore e il suo atto generoso. Quando nacque Milo, riempì di gioia la vita della famiglia. Tuttavia, la felicità è stata offuscata non appena i medici hanno visto che qualcosa non andava bene nel piccolo. Dopo alcuni test hanno scoperto un’ostruzione dei condotti che trasportano la bile dal fegato alla cistifellea. Dovettero quindi dire ai genitori che c’era altro modo per salvarlo, che eseguire un trapianto. I genitori si offrirono rapidamente di donare parte del loro fegato al loro piccolo ma dopo i primi esami videro che solo la madre, Natalia, era compatibile. Tuttavia, la madre non poteva essere un donatore poiché era stata operata al cuore. La salvezza era quindi nelle mani di un altro membro della famiglia compatibile, il fratello di Natalia, il calciatore Alejandro Benítez. Ma affinché il trapianto fosse possibile, dovevo fare un grande sacrificio, lasciare il calcio. “Quando me lo hanno detto, non ho dubitato un’attimo. Era chiaro che avrei dovuto rinunciare al calcio. Ma non mi importava”.

Milo

“Inoltre, non rimpiangerò mai quello che ho fatto “, ha detto l’ex calciatore, da un letto d’ospedale dopo che è stato effettuato l’intervento, secondo La Vanguardia .

sobrino_tio

“Quando sono entrato in sala operatoria, ci sono stati un paio di inconvenienti. E i medici hanno persino pensato di sospendere tutto. Grazie a Dio non l’hanno fatto. Naturalmente, invece delle tre ore che l’operazione avrebbe dovuto durare, ci sono volute sette ore”, ha detto Benítez. Ha aggiunto: “Per Milo ci è voluto anche di più, 12 ore. Ma per fortuna sta meglio di me. Questo mi rende felice “, e ha aggiunto:

“È entrato nell’ospedale molto male, era malnutrito, verde … Ma si sta già riprendendo. Penso che se continua così, finirà per giocare al Central Larroque al mio posto, ah ah ah.”

nipote

Ora Lulo si sta riprendendo, seguendo tutte le raccomandazioni dei medici, mentre è felice di vedere guarire suo nipote.

Lulo

Anche i prossimi mesi saranno molto eccitanti per un altro motivo, lo stesso Lulo diventerà papà. E quando gli si chiede se parlerà a suo figlio di quello che ha fatto per suo nipote, lui  dice:

“È un atto d’amore. Se lo scoprirà sarà perché glielo ha detto qualcun altro. Penso che sia quello che chiunque farebbe per una persona cara.”Condividi questo atto d’amore ispiratore.