Rinuncia al respiratore per salvare un paziente più giovane.

Doveva essere intubata, positiva al virus, aveva già i polmoni seriamente compromessi...ma quando stavano per farlo la donna ha detto una frase che ha lasciato i medici bloccati. Ecco cosa è accaduto

Suzanne Hoylaerts, 90 anni, è morta dopo aver ricevuto una diagnosi di coronavirus mentre era in ospedale. La donna è del Belgio e ha fatto un gesto degno di essere ricordato. “Hanno fatto quello che ho chiesto loro, io ho avuto una bella vita” , ha detto Suzanne al personale che la stava curando prima che morisse.

Anche in Belgio gli ospedali sono stati colpiti dal collasso causato dalla pandemia, le unità di terapia intensiva hanno ricevuto più pazienti di quanto potessero ospitarne. Sfortunatamente, in alcuni casi, i medici devono prendere la dura decisione di scegliere a chi dare le cure necessarie in quella zona e di intubare coloro che hanno una prognosi più favorevole.

Il caso di Suzanne è diventato un esempio di solidarietà che entusiasma il mondo. La paziente anziana ha rinunciato di sua spontanea volontà al suo respiratore per somministrarlo a un paziente più giovane che aveva maggiori probabilità di guarire dalle complicanze respiratorie causate dal coronavirus.

Sua figlia Judith ha spiegato a un media che sua madre ha chiesto ai medici di non indossare il respiratore. “Non voglio la respirazione artificiale. Lasciate libero il dispositivo per pazienti più giovani. Ho già avuto una bella vita” , ha spiegato la donna.

Suzanne soffriva di polmonite a carico dei polmoni e non riuscì a sopravvivere alla diagnosi. Come richiesto dal protocollo ospedaliero per i pazienti con coronavirus, la paziente è rimasta isolata, nei suoi ultimi momenti non ha potuto contare sulla presenza di una persona cara.

Nessuno poteva dirle addio come accade a migliaia di famiglie che hanno vissuto il dramma di questa pandemia molto da vicino. I dottori ricordarono le sue parole con emozione: “Non piangete, hanno fatto tutto il possibile , ho vissuto una bella vita” è stata l’ultima cosa che Suzanne ha detto prima di morire.

Judith, è orgogliosa del gesto di sua madre, ma è anche sommersa dal profondo dolore di averla persa per sempre. Soprattutto, si rammarica di non averla potuta salutare.” Non potevo dirle addio e non potrò andare al suo funerale.” Questa è forse la parte più difficile per coloro che hanno perso una persona cara in questa pandemia che ha lasciato 894.027 pazienti infetti in tutto il mondo e 45.050 deceduti.

Il caso di questa paziente di 90 anni ci ricorda un prete in Italia che ha ricevuto un respiratore donato dai suoi parrocchiani in modo che potesse averlo a disposizione in caso contrasse il coronavirus. Il prete, Giuseppe Berardelli, preferì donarlo in modo che un paziente più giovane con diagnosi di COVID-19 potesse usarlo e morì il 24 marzo.

Nel mezzo della tragedia, emergono storie di solidarietà che meritano di essere conosciute.

Morte del bambino di 9 anni, trovato con una corda al collo nella sua cameretta: individuato il suo ultimo video su YouTube

Morte del bambino di 9 anni, trovato con una corda al collo nella sua cameretta: individuato il suo ultimo video su YouTube

Corriere salva bimbo di 5 mesi abbandonato su un marciapiede

Corriere salva bimbo di 5 mesi abbandonato su un marciapiede

Lutto nel mondo del cinema: l'attrice di 26 anni trovata senza vita

Lutto nel mondo del cinema: l'attrice di 26 anni trovata senza vita

Svolta nel giallo di Caccamo: c'è un arresto per omicidio e occultamento

Svolta nel giallo di Caccamo: c'è un arresto per omicidio e occultamento

Morte Roberta Siragusa, la mamma rompe il silenzio: le sue parole sono un colpo al cuore

Morte Roberta Siragusa, la mamma rompe il silenzio: le sue parole sono un colpo al cuore

Colori delle Regioni, come potrebbero cambiare domenica

Colori delle Regioni, come potrebbero cambiare domenica

Il drammatico appello dello stilista malato di COVID: “Non ci sono miglioramenti ma non importa. Vi prego, salvate mia madre”

Il drammatico appello dello stilista malato di COVID: “Non ci sono miglioramenti ma non importa. Vi prego, salvate mia madre”