Roma: partorisce in un bed and breakfast e poi sviene. Neonata trovata morta.

Partorisce una neonata dentro un bed and breakfast e poi sviene. La piccola muore poco dopo: "non sapevo di essere incinta"

Home > Attualità > Roma: partorisce in un bed and breakfast e poi sviene. Neonata trovata morta.

La tragedia è avvenuta lo scorso 3 Maggio a Roma, all’interno di un bed and breakfast, situato nella zona Termini. Secondo quanto riportato, si è tornato a parlare della vicenda, a distanza di mesi, poiché sono emersi nuovi dettagli sul caso. Per chi non ricorda cosa è accaduto, una donna ha partorito all’interno della struttura e ha poi dichiarato di non sapere di essere incinta.

I proprietari del Bed and Breakfast, quando hanno realizzato l’accaduto, hanno chiamato le forze dell’ordine. Gli agenti si sono recati subito sul posto ed hanno trovato la neonata senza vita, morta per dissanguamento, a causa del taglio effettuato dalla madre, al cordone ombelicale, in modo non corretto.

La donna è stata invece trovata nel bagno, accanto alla vasca, svenuta a terra. Si è sentita male ed ha perso i sensi, questo non le ha permesso di chiamare un’ambulanza, ne si soccorrere sua figlia, che è morta nel giro di poco tempo.

La donna, originaria della Corea del Sud, è stata accusata di infaticidio, ma continua a difendersi e ad affermare che non era a conoscenza della gravidanza, nonostante fosse giunta a ben nove mesi di gestazione.

Sul corpo della piccola è stata da poco effettuata l’autopsia e si è in attesa dei risultati, che sicuramente, confermeranno il dissanguamento dal taglio del cordone ombelicale.

Fino al termine delle indagini, le forze dell’ordine hanno richiesto di far rimanere la donna qui in Italia, ma la richiesta non è stata accolta e non appena le verranno restituiti tutti i documenti, potrà tornare nel suo paese.

Una vicenda assurda, alla quale gli inquirenti vogliono andare fino in fondo. Il racconto della donna non è convincente e il fatto che non sapesse della sua gravidanza, risulta troppo difficile da credere.

In attesa di ulteriori aggiornamenti sulla vicenda.

Leggi anche: Ospedale Gaslini di Genova: “siamo pronti ad accogliere Tafida, ma hanno opposto resistenza”