San Giorgio del Sannio: un altro cane perde al vita

San Giorgio del Sannio: un altro cane perde al vita per colpa di un Amstaff di colore bianco che viene lasciato libero; ecco il racconto dei testimoni.

Home > Attualità > San Giorgio del Sannio: un altro cane perde al vita

San Giorgio del Sannio: un altro cane perde la vita aggredito da un Amstaff di colore bianco, che da tempo sparge terrore nella città. Non si tratta di un randagio impazzito e nemmeno di un cane malato di rabbia. Il cane che ha aggredito è un cane di proprietà che viene lasciato spesso solo per le strade. E la cosa peggiore è che non è la prima volta che accade una tragedia.

amstaff-bianco
foto di repertorio

Siamo a San Giorgio del Sannio, in provincia di Benevento, dove si è consumata un’altra tragedia. Un barboncino di nome Paco si trovava, insieme alla sua proprietaria, al tavolo di un bar. La donna si era fermata per prendere un caffè e il cane si era infilato sotto la sedia per fare una breve pennichella.

Dal nulla è comparso un Amstaff di colore bianco che si è gettato addosso al povero cane e lo ha azzannato. Paco non ha avuto scampo: l’ha afferrato con i denti e l’ha morso e scosso fortemente finché il piccolo è morto. La proprietaria non ha avuto nemmeno il tempo di agire che il cane era morto. Poi il cane killer si è allontanato sparendo nel nulla.

barboncino-paco

Le numerose persone presente hanno aiutato la donna a dare il primo soccorso a Paco. È stata inutile anche la corsa in clinica: il cane è morto tra le braccia della sua proprietaria. La sera la donna ha voluto sfogarsi su Facebook:

“Per noi non era un cane, era il figlio che non abbiamo avuto. È stato l’artefice del nostro amore, ci ha salvato il matrimonio, è stato il cuscino su cui piangere nei momenti difficili. È stata feroce la presa, gli ha distrutto organi interni ed ossa in un colpo solo aprendogli le carni. Grondava sangue ovunque”.

barboncino-paco

Poi la donna ha aggiunto distrutta dal dolore:

“E morto solo lui, poteva sbranare anche lei o chi la aiutava, o qualsiasi bambino presente in zona”

Sembra, infatti, che il l’Amstaff avrebbe già ucciso altri cani. Ma dopo quella tragedia i proprietari dell’Amstaff non hanno fatto nulla per impedire altre disgrazie. E, a questo punto, i proprietari di Paco hanno deciso di denunciarli.

Vogliamo precisare che in tutto ciò, per noi, la colpa è solo degli umani. I cani hanno istinti che vanno controllati attraverso l’educazione. Se si decide di accogliere in famiglia un cane appartenente a una razza impegnativa come l’Amstaff, bisogna saperlo gestire. Sono cani meravigliosi e possono essere dolcissimi se vengono trattati nel modo giusto ma si possono trasformare in assassini se li tratti nel modo sbagliato.