Sbuca sempre un bambino in più

Samantha Weng era felice. La vita le sorrideva, aveva appena sposato il suo amato marito e insieme avevano appena ricevuto la notizia dei suoi sogni: Samantha era incinta – solo un mese dopo il matrimonio. Essere una madre era qualcosa che voleva davvero. Ma né lei né nessuno avrebbero potuto immaginare la lunga strada che li attendeva con questa gravidanza.



ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE
La coppia è andata all’ospedale per dei controlli di routine quando Samantha era nella sua settima settimana di gravidanza. Stavano per fare un’ecografia ed entrambi erano molto eccitati. In seguito, dopo aver visto gli ultrasuoni, i medici le hanno detto che non avevano buone notizie. Samantha è stata informata che aveva una gravidanza extrauterina. In questo tipo di gravidanza l’embrione si sviluppa all’esterno dell’utero. Le probabilità di vita per il feto sono quasi nulle. I dottori le consigliarono, per questo motivo, di abortire. La notizia è stata il più grande incubo per la coppia. Attesero un paio di settimane per assimilare e capire bene cosa era successo. Forse c’era una seconda possibilità? Quando la coppia tornò in ospedale una settimana dopo, il tono della voce suonò in modo diverso quando il medico disse loro: “Congratulazioni avrete due gemelli”. L’attesa era la decisione migliore presa da Samantha, si è dimostrata di vitale importanza. Ovviamente la coppia era eccitata e sollevata dal nuovo risultato. Tuttavia, hanno deciso di cambiare i medici. Alcune settimane dopo sono tornati in ospedale per un nuovo controllo di routine. E lì avrebbero ricevuto un’altra notizia scioccante. La coppia aveva informato il nuovo dottore che aspettavano due gemelli.

Arricciò il naso, fissò lo schermo al momento dell’ecografia e pochi minuti dopo lasciò la stanza per parlare con altri colleghi. Dopo un po ‘tornò di nuovo e riferì un’altra notizia che lasciò la coppia sbalordita.Non avrebbero avuto due gemelli, ma tre!

Questa nuova notizia riempì Samantha di gioia ma anche di paura. Pensò che avrebbe potuto far fronte a una gravidanza di terzine, ma il rischio era maggiore. La sua gravidanza è stata improvvisamente classificata come ad alto rischio.

Per essere sicuri, il medico ha deciso di eseguire una nuova ecografia. E la grande sorpresa arrivò. Il dottore poteva vedere un altro feto, cioè quattro bambini. E in quel momento Samantha non poté nascondere la sua immensa preoccupazione. E chi poteva biasimarla per questo disagio? Ricevere risultati diversi ad ogni ecografia è stato molto difficile da assimilare per la coppia. Ad ogni controllo sbucava fuori un nuovo bambino. Questo non era normale.

I medici, come i genitori di Samantha, consigliavano alla coppia di ridurre il numero di feti. Dare alla luce i quattro bambini era molto rischioso. “Sei una giovane donna e hai altre possibilità di rimanere incinta. Perché rischiare la vita? Samantha iniziò a piangere.

I medici le hanno proposto di rimuovere la placenta che aveva due feti dall’utero di Samantha. Ciò avrebbe dato agli altri due feti situati in diverse placente, più spazio per svilupparsi. Ma Samantha non poteva prendere una decisione simile. Pensò a come avrebbe potuto andare avanti con la sua vita, se avesse deciso di eliminare anche solo uno dei bambini.

– Non è giusto per lui o per lei se non gli do’ la possibilità di vivere, ha detto Samantha. Inizia un periodo di grande nervosismo. Quattro feti in tre diverse placente costrinsero Samantha a rimanere in ospedale per un mese. Dopo 26 settimane di gravidanza, era tempo di partorire. Il 21 ottobre 2010 i quattro gemelli sono nati con taglio cesareo.

L’unica cosa che sua madre voleva sapere dopo il parto era se respirassero. E sì, lo hanno fatto. Ora la famiglia aveva un altro lungo viaggio davanti a loro. Audrey, Emma, ​​Natalie e Isabelle sono i nomi delle quattro gemelle. I primi giorni sono dovute restare in incubatrice poi finalmente sono state portate a casa sane e salve. Che storia incredibile!! e quanto coraggio ha avuto questa mamma, fortunatamente tutto è finito nel migliore dei modi.