Scatta foto a famiglia che mangia gelato. Giorni dopo riceve SMS che la sconvolge

Scatta foto a famiglia che mangia gelato. Giorni dopo riceve SMS che la sconvolge

Ecco cos'è successo alla statunitense Joyce Rhinehart.

Non sai mai quando un atto casuale di gentilezza possa riservare qualcosa di inimmaginabile, come dimostra questa storia.

Scatta foto a famiglia che mangia gelato. Giorni dopo riceve SMS che la sconvolge

Qualche settimana fa la statunitense Joyce Rhinehart ha portato il nipote in una gelateria per un po’ di riposo dopo una lezione di tennis. Quando i due sono usciti dal negozio, hanno visto una bella famiglia che stava mangiando del gelato insieme. Joyce, ammaliata da quella scena, ha chiesto se poteva scattare una foto e la famiglia ha detto subito di sì.

La donna, in un post su Facebook, ha scritto: “Ho scattato questo foto e poi ho dato lo smartphone a mio nipote, a cui ho detto di andare avanti e di inviare la foto al loro cellulare”. Pochi giorni dopo, Joyce è stata sorpresa nel ricevere un SMS da un numero sconosciuto.

Ha letto il messaggio e le sono venuti i brividi.

Nell’SMS c’era scritto:

“Cara Signora, lei ci ha scattato una fotografia l’8 giugno scorso. Mia moglie è morta ieri e quella è stata l’ultima foto che la ritrae insieme a tutta la famiglia. Accetti la mia più immensa gratitudine per la sua gentilezza: significa tutto per me. Grazie dal profondo del mio cuore”.

Joyce ha, poi, scoperto che la moglie del signore era malata da un anno.

Su Facebook ha scritto: “Mai sottovalutare un semplice atto di gentilezza casuale. Il mio cuore è triste per questa dolce famiglia di cui non so nulla. Sono commossa!”.

Strage di Margno: arrivati i risultati tossicologici di Diego ed Elena

Doveva operarsi per un tumore ma scopre che era tutt'altro

Lutto per il golfista Camillo Villegas, la figlia Mia ha perso la vita: aveva 22 mesi

Pisciotta, bambino positivo al Coronavirus: contagio in ludoteca

L'attore Ashutosh Bhakre si è tolto la vita: il corpo trovato dai genitori

Alzheimer: scoperta la molecola in grado di bloccare la malattia

Chieti: il vigilante Riccardo Esposito salva la vita a un bimbo di 10 anni