Scendi il cane: l’Accademia della Crusca non ha cambiato idea

Alcuni italiani erano a bocca aperta, altri esultavano. Ma nonostante il recente tumulto su scendi il cane l'Accademia della Crusca è ben ferma!

Home > Attualità > Scendi il cane: l’Accademia della Crusca non ha cambiato idea

Tumulto in rete per la nota dello studioso Vittorio Coletti: con le osservazioni sulla transitivizzazione di alcuni verbi come scendi il cane, l’Accademia della Crusca sembrava aver cambiato completamente posizione.

dizionario

La nota, datata 11 gennaio, sembrava in effetti legittimare l’uso di queste espressioni grammaticalmente scorrette, affermando che si tratta di modi di dire accolti nell’uso e pertanto non strettamente sconsigliabili.

Un fatto che da una parte ha visto esultare moltissimi italiani, specialmente del Sud, che usano abitualmente queste espressioni. Dall’altra ha fatto restare a bocca aperta chi difende la grammatica italiana.

Insomma, nel pieno del tumulto di scendi il cane, l’Accademia della Crusca è diventata oggetto di discussioni così forti e diffuse che il presidente Claudio Marazzini si è sentito in dovere di spiegare che le cose stavano diversamente.

Nessuno ha cambiato davvero idea: i verbi di moto usati in maniera transitiva continuano a non rientrare nell’italiano formale. Qualunque alunno beccato a usarli in questo modo dovrà comunque essere corretto, perché non rispetta le regole grammaticali.

Sono “accettati” solo a livello colloquiale, ma saranno sempre tenuti sotto stretta sorveglianza dall’Accademia per impedire il loro ingresso nella grammatica ufficiale.

Dunque, ci dispiace deludervi sostenitori di “scendi il cane”: l’Accademia della Crusca dice ancora no. Potete dirlo, ma guai a scriverlo e a dire che adesso è corretto!