Sciacca, tanta commozione ai funerali della piccola Carola Benedetta

Tanta commozione ai funerali della piccola Carola, la bimba morta improvvisamente. Meraviglioso il gesto dei suoi genitori.

Home > Attualità > Sciacca, tanta commozione ai funerali della piccola Carola Benedetta

La vicenda che è accaduta a Sciacca, ha sconvolto tutto il paese. una bambina di soli 10 anni, di nome Carla Benedetta Catanzaro, è morta in modo inaspettato per un aneurisma celebrale. La famiglia, sommersa dal dolore, ha potuto contare sul sostegno dell’intera comunità, soprattutto dopo aver fatto una scelta molto dolorosa ma allo stesso tempo coraggiosa ed ammirevole.

Dopo la morte della piccola, i suoi genitori hanno voluto dare speranza ad altri bambini che stanno lottando per la propria vita, donando gli organi di Carola.

Nella giornata di ieri, nella Basilica della Madonna del Soccorso, sono stati celebrati i funerali della bambina. La chiesa era piena di gente, che ha voluto partecipare alla cerimonia, per salutare per l’ultima volta un piccolo angelo.

Durante la celebrazione, il momento più commovente è stato quando il prete ha letto alla famiglia di Carola, un messaggio da parte del reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale di Cristina, dove la bambina è morta:

“Vi diciamo un semplice ed enorme grazie per essere stati solidali nel dolore più grande, composti nello sconforto più cupo, esempio di altruismo in un mondo sempre più altruista”.

La vicenda di questa bambina ha sconvolto tutto il paese. La sua morte è arrivata in modo improvviso e soprattutto inaspettato.

Perdere un figlio, dovrebbe essere contro natura ed è un dolore che non si può descrivere, se non lo si è mai provato prima. Quello che questa famiglia ha fatto, nonostante un momento così straziante, è meraviglioso. Grazie alla loro scelta e agli organi della loro bambina, altri bambini potranno continuare a sperare. Sperare di poter vivere una vita normale, fuori dalle mura di un ospedale, con la propria famiglia.

La piccola sarà Carola viva nel corpo di altri bambini, proteggendoli e guidandoli nel corso della loro vita.

Leggete anche: La figlia di Michael Cruciani, non ce l’ha fatta.