Sconcertante ritrovamento sotto il Vaticano

Una soffiata anonima sul caso di una ragazzina scomparsa 30 anni fa, le indagini portano a uno sconcertante ritrovamento sotto il Vaticano

Home > Attualità > Sconcertante ritrovamento sotto il Vaticano

Migliaia di ossa sono state rinvenute da 2 ossari scoperti nella Città del Vaticano, alla ricerca di una ragazzina di età inferiore ai 15 anni che è scomparsa più di 3 decenni fa. Emanuela Orlandi, nata nel 1968, era la figlia di un importante impiegato del vaticano, Ericole Orlandi, che viveva tra le mura della città santa.

Fu dichiarata scomparsa all’età di 15 anni nell’estate del 1983 mentre tornava a casa dopo una lezione di musica nel centro di Roma. La sua scomparsa è stata avvolta nel mistero, poiché non si sono mai saputi i motivi per cui è stata rapita e poiché era la figlia di un funzionario della Prefettura della Casa Pontificia, l’evento ha avuto un grande impatto in Italia e nel mondo nel complesso, soprattutto dopo due interventi pubblici di papa Giovanni Paolo II a favore di Emanuela. Le teorie della sua scomparsa includevano gangster, leader vaticani e persino terroristi. Tuttavia, sia la posizione di Emanuela che l’origine delle migliaia di ossa trovate rimangono irrisolte, quindi la famiglia ha deciso di assumere i propri ricercatori in modo che i risultati siano obiettivi e possano dare loro una luce alla fine tunnel. L’interesse per il caso è tornato alla luce l’estate scorsa, quando la famiglia Orlandi ha ricevuto informazioni anonime, dicendo che i resti della ragazzina potevano essere localizzati nelle tombe della principessa Sophie von Hohenlohe e della principessa Charlotte Federica del Meclemburgo, nel cimitero Teutonico, che rimane sigillato in Vaticano.

Era un messaggio misterioso accanto a una scultura. Il testo conteneva l’istruzione di ” guardare dove punta l’angelo”. Ma dopo i necessari permessi concessi dal Vaticano l’11 luglio, sebbene sia riservato ai cattolici di lingua tedesca, quando arrivarono alle tombe teutoniche, erano vuote.

La spiegazione fornita dal Vaticano era che i resti delle principesse avrebbero potuto essere rimosse durante i lavori di ristrutturazione del cimitero e degli edifici circostanti negli anni ’60 e ’70. Ma altre due camere, chiamate ossari, dove sono conservate le ossa del defunto, sono state scoperte durante le indagini, sotto il suolo di un’area all’interno del Teutonic College.

Ciò che hanno scoperto è stato davvero scioccante, c’erano “migliaia di ossa” ritenute corrispondenti a “decine di persone”, secondo Giorgio Portera, un genetista nominato dalla famiglia Orlandi. Per Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, già sessantenne, che ha emesso un’emivita nel tentativo di risolvere il caso di sua sorella, la scoperta gli ha dato grandi soddisfazioni.

“Negli ossari, non dovrebbero esserci ossa recenti, quindi se ce ne sono, anche se non è Emanuela Orlandi, sarà un problema per il Vaticano”, ha detto Pietro Orlandi. “Ci sono centinaia, migliaia di ossa e ora il Vaticano le classificherà per età e indagherà sulle più recenti. Pensare che possa essere stata sepolta nell’ossario in tutti questi anni, a soli 200 metri da casa nostra, sarebbe stato devastante. ”

” Il Vaticano non vuole che questo venga fuori e non vuole essere visto in questo modo, ma alla fine sento che hanno fatto un passo indietro e un passo avanti ” , ha concluso. Da parte sua, il Vaticano ha affermato che non è la prima occasione che consente alla famiglia Orlandi di indagare e che ribadiscono il loro sostegno accettando che il cimitero teutonico sia indagato, sebbene si basi su un rapporto anonimo.

L’analisi del DNA si svolgerà ora su ogni serie di resti, ma il portavoce del Vaticano Alessandro Gisotti ha detto che i dati precisi dovranno attendere “valutazioni morfologiche sabato prossimo”.

È davvero sconcertante trovare quelle “migliaia di ossa” in un posto dove non dovrebbero esserci. A chi appartengono? Che cosa è successo a Emanuela? Speriamo che le indagini siano approfondite in questo caso controverso. Condividi!

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI